domenica, 24 Settembre, 2023

Open Pontremoli: "Tassa di soggiorno sì, ma con una logica"

“La tassa di soggiorno è uno strumento che deve essere usato con intelligenza e con un’idea ben chiara di sviluppo turistico”, comunicano i consiglieri Francesco Mazzoni, Elisabetta Sordi, Gregorio Petriccioli tramite una nota alla stampa.
“Come abbiamo detto in Consiglio Comunale, l’Amministrazione non ha promosso adeguati momenti di confronto, nei quali garantire la partecipazione degli operatori economici del settore turistico nel procedimento che ha condotto all’introduzione della tassa di soggiorno.”
“Prima di tutto, nell’immediato esiste un problema organizzativo: non si può introdurre la tassa di soggiorno nel bel mezzo della stagione turistica perché questo crea un danno agli operatori del settore”.
“Infatti, è evidente che le prenotazioni per la primavera e l’estate 2019 siano arrivate quando non era ancora stata introdotta la tassa di soggiorno”.
“Così come è evidente che chi gestisce una struttura ricettiva si trova, oggi, a dover far pagare ai turisti e ai clienti un’imposta ulteriore, piovuta dal cielo, che non aveva previsto e inserito al momento in cui ha accettato la prenotazione”.
“C’è poi una questione di fondo, sulla quale manca un ragionamento serio: come verranno impiegati i soldi della tassa di soggiorno? Va benissimo far pagare al turista che decide di fermarsi a Pontremoli, ma a questa prestazione patrimoniale imposta dall’Amministrazione devono corrispondere servizi che siano all’altezza di un centro turistico”.
“Non possiamo far pagare la tassa di soggiorno e avere le vie del centro storico piene di sterco di cani e di volatili, le fogne maleodoranti, i servizi igienici pubblici inesistenti. Pontremoli è bellissima ed è nota per le sue ricchezze e i suoi gioielli. Ma questo non basta”.
“Per creare un business del turismo – e questo deve essere l’obiettivo – la parte pubblica deve garantire efficienza massima per ciò che è di sua competenza. E allora: la tassa di soggiorno va bene, ma chi paga vuole e deve avere in cambio servizi all’altezza della situazione. Comunque – concludono i consiglieri di Open Pontremoli -, ogni decisione deve essere presa in accordo con gli operatori del settore, che sono l’unico vero motore della promozione turistica e della creazione del marchio Pontremoli e del brand Lunigiana”.

News feed

A Fivizzano la presentazione di “Io sono un operaio” di Dino Grassi

Prosegue il giro di presentazioni del libro di Dino Grassi “Io sono un operaio. Memoria di un maestro d’ascia diventato sindacalista”. Il libro sarà...

Polizia, Croce Rossa e SALT per l’educazione stradale nell’Area Magra Est

Farà tappa domani mattina nell’area di servizio Magra Est lungo l’autostrada A12 a Santo Stefano Magra (SP), la campagna di educazione alla sicurezza stradale...

Al via la stagione dei funghi, le raccomandazioni di Coldiretti

Iniziata nel migliore dei modi la stagione dei funghi in Lunigiana e più in generale nell’Appennino Tosco Emiliano. E’ boom di porcini. Le gerle...

Ad Albiano Magra lo screening nazionale del fegato

“Albiano Magra in salute” così si chiama la giornata di prevenzione che, organizzata dal Comitato locale della Croce Rossa di Albiano Magra in Lunigiana...

A Pontremoli la nuova edizione di “Una giornata in sicurezza”

Le sirene che risuonano. Cani addestrati che si aggirano per la piazza annusando borse e zaini sospetti. Il potente rombo di una Lamborghini che...