Era il 3 novembre 2014 quando, grazie alla donazione della Croce Rossa Militare, si costituiva presso la stazione nuova di Aulla il Centro Operativo Comunale formato da due moduli container a uso ufficio. Il progetto, sostenuto dal CODAM -TE (Centro Operativo Deposito Addestramento Militare – Tosco Emiliano) di Marina di Massa e il settore Protezione Civile del Comune di Aulla, era volto a poter dare alla città un punto di riferimento in caso di bisogno e per mettere un primo mattone per la ricostruzione e la prevenzione, come dichiarava Gorlandi, della protezione civile stessa.

Il 10 gennaio 2015, però, i container spariscono dalla stazione di Aulla e vengono trasferiti a Serricciolo, all’ex circolo Fantoni in condizioni più che indicenti.

container
 

Tuttavia, tutto è bene ciò che finisce bene e, grazie all’impegno dei cittadini volontari, ma non dell’amministrazione, i due moduli container si sono trasformati in un ufficio operativo e in un magazzino, entrambi tirati a lucido e ristrutturati. All’interno lavorano 25 volontari operativi che si impegnano nell’aiuto per gli anziani, supporto in caso di calamità, vigilanza notturna e, da lì, opera anche la stessa Protezione Civile.

Lombardi Maria Grazia, esponente dell’opposizione Idee in Comune, ringrazia i cittadini che si sono impegnati nell’opera ma, soprattutto, chiarisce quali dovrebbero essere, in realtà, i compiti e i doveri di tutti analizzando le dichiarazioni del Sindaco Magnani e dell’Assessore Anelli fatte alla stampa in occasione dell’inaugurazione.

Ringrazio il caposquadra della sezione Protezione civile di Serricciolo, Luciano Lombardi, per avermi invitata, in qualità di consigliere comunale, all’inaugurazione della nuova sede del gruppo dei volontari, che hanno accolto i presenti con simpatia e ospitalità, per ricchezza di relazioni umane e prelibatezza  di  tutte le varietà gastronomiche che imbandivano le bianche tavolate.

Insieme a Luciano Lombardi  ho potuto ammirare la trasformazione effettuata: dai container ridotti a latrine, sono uscite due sale operative, per le distinte funzioni, di controllo e di deposito dei materiali, necessarie alle emergenze.

Dietro ad ogni oggetto e alla riorganizzazione globale, non si poteva non cogliere il faticoso lavoro svolto dai cittadini: pulitura e igienizzazione; sistemazione degli impianti e degli infissi; progettazione e realizzazione degli arredi interni, nelle loro specifiche  funzioni; l’autofinanziamento per acquistare il materiale necessario e la ricerca di donazioni per completare gli ausili fondamentali per una eventuale emergenza. Solo grazie all’impegno di uomini e donne, che non cercano notorietà e che hanno creduto fortemente in un progetto condiviso, possiamo sentirci più sicuri, e che io ringrazio infinitamente, a titolo personale e a nome di Idee in Comune.

Detto questo, vorrei condividere con  i lettori, alcune riflessioni, che sono emerse ascoltando il Sindaco Magnani e leggendo le dichiarazioni dell’Assessore Anelli sulle cronache locali.

Era il 3 novembre 2014, quando il Sindaco per voce del suo delegato Gorlandi, stranamente assente all’evento di domenica, annunciava a tutta stampa il posizionamento di due container, presso la nuova stazione di Aulla, che sarebbero diventati la sede di un efficiente, sicuro COC (Centro operativo Commissariale).  Il 6 dicembre, Matteo Lupi ed io, denunciavamo lo stato di abbandono e di degrado  dei container, e l’incapacità dell’Amministrazione di gestire le donazioni ricevute.

Il 10 gennaio, di fronte alla scomparsa improvvisa dei container, chiedevo lecitamente al Sindaco dove fossero finiti, e non come afferma bugiardamente l’assessore Anelli, di  un dissenso del mio gruppo politico sulla loro collocazione in  Serricciolo.   Anzi, preso atto di questo, ne abbiamo gioito,  certi che tolti dall’incompetenza dell’Amministrazione comunale, potessero sorgere a nuova vita, come è stato, nonostante che sindaco e assessori annessi abbiano occupato il maggior lustro sui quotidiani locali,  come sempre alle spalle del lavoro dei cittadini, senza alcuna onestà intellettuale. Oneri e onori, dovrebbero essere i piatti della stessa bilancia.

Total
0
Condividi
Lascia un commento
Total
0
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: