Montereggio: consegna delle borse si studio intitolate a Bruno Prato

Sabato 6 agosto a Montereggio di Lunigiana, presso l’antica Chiesa di Sant’Apollinare e San Francesco Fogolla, il progetto “Fermo il Canto Fermo il Suono” I ragazzi del XXI secolo incontrano il Canto del Maggio di Montereggio, trovera’ il suo atto conclusivo.
Nella circostanza saranno consegnate le Borse di studio intitolate al montereggino “Bruno Prato”, riservate agli alunni delle scuole primaria “Livio Galanti” e secondaria “Dante Alighieri” del comune di Mulazzo che hanno partecipato al concorso artistico sul tema delle tradizioni e significato del Canto del Maggio.

La Commissione esaminatrice – composta dal professore Pierluigi Drovandi, dalla maestra Francesca Luciani, dalla signora Maria Teresa Melchiori sostenitrice dell’iniziativa, da Maucci Giacomo in rappresentanza della Proloco di Montereggio e presieduta dall’artista scultore, pittore nonché docente dell’Accademia delle Belle Arti di Carrara professor Luciano Preti – ha valutato numerose opere frutto di esperienze, ispirazioni e riflessioni personali sul tema del maggio.

Il Canto del Maggio fa parte di quella moltitudine di credenze e tradizioni popolari, di remota origine, che scandivano non solo la rinascita della natura ma lo stesso ciclo della vita.
L’intento dell’iniziativa è riscoprire il significato di consuetudini e tradizioni delle quali si stanno perdendo il significato e la memoria e che ormai si praticano quasi con spirito folkloristico ma che hanno, invece, radici di sorprendente antichità e profondità.

Il professor Preti, a nome della Commissione, ha sottolineato come l’iniziativa rivolta ai bambini e ragazzi delle scuole elementari e medie serva per promuovere lo sviluppo dell’arte e della creatività giovanile e sollecitare in maniera originale l’interesse nei confronti della tradizioni del territorio. Iniziativa che riveste un grande valore simbolico: “si tratta di un attestato di merito che viene conferito agli studenti che hanno compreso il senso della tradizione del maggio, nella convinzione che tale risultato non rappresenti il premio per una gara, ma per l’apprendimento e diffusione di quei valori della cultura del territorio e della condivisione e dell’aggregazione che sono insite nel Canto del Maggio ”.

Il presidente della Proloco Sandro Fogola e Giacomo Maucci dell’Associazione “Le Maestà di Montereggio” – nel ricordare l’amico Bruno Prato come ideale rappresentante di tutti coloro che hanno dovuto lasciare la loro terra ma non hanno mai dimenticato le loro origini e nel ringraziare la signora Maria Teresa Melchiori, compagna di Bruno, per l’indispensabile supporto che ha permesso alle Associazioni di organizzare questa iniziativa – hanno sottolineato come gli elaborati dei ragazzi si inseriscano appieno nel solco delle tradizioni e del folklore popolare ma siano anche espressione del cambiamento sociale e del fondamentale apporto delle nuove generazioni.

In occasione della manifestazione, inoltre, il Dirigente Scolastico professor Angelo Ferdani consegnerà le borse di studio e gli attestati di benemerenza agli alunni delle classi terze della scuola secondaria di primo grado che si sono distinti per eccellenti prestazioni scolastiche e per uno stile comportamentale esemplare.

Inoltre, sarà l’occasione, per la comunità, per ringraziare il professor Ferdani, giunto ormai all’età della pensione, per quanto ha fatto in questi lunghi anni per il bene e la crescita culturale e morale dei suoi giovani alunni.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!