Massa: negata la pronuncia di compatibilità ambientale per la Cava Romana

Negato in via ufficiale il 4 maggio scorso il rinnovo della Pronuncia di compatibilità ambientale per il piano di coltivazione della Cava Romana gestita dalla società Giorgio Taruba Srl in zona Massa. Il no alla richiesta – che era stata avanzata dalla ditta nel novembre del 2015 – è arrivato dal Parco delle Alpi Apuane, territorio in cui si trova parte della cava. Già nella conferenza dei servizi del 2016 erano state rilevate diverse irregolarità nelle opere svolte nella cava nell’area all’interno del Parco – anche a causa di errori nella cartografia del 2010 – e aveva imposto un piano di ripristino, che sembra non essere mai stato realizzato da la ditta, mancanza che gli sarebbe costata il rinnovo delle autorizzazioni appunto. Infatti le autorità avevano rilevato che “all’interno dell’area estrattiva sono stati scavati volumi e gallerie in difformità rispetto alle gallerie autorizzate per un ammontare di circa 4.900 mc; all’interno dell’area parco, come individuata dalla legge regionale n. 65/1997, sono stati scavati volumi e gallerie per un ammontare complessivo di circa 21.000 mc (prendendo invece in considerazione i confini dell’area parco come individuati dal proponente nella documentazione del 2010, i volumi scavati in area parco ammontano a circa 2.800 mc);”
Era di fine marzo l’ordinanza del commissario del Parco delle Alpi Apuane Alberto Putamorsi che richiedeva alla Giorgio Taruba Srl “la riduzione in pristino, la risistemazione e l’eventuale ricostruzione dell’assetto morfologico ed idrogeologico e delle specie vegetali ed animali”. Inoltre il Parco chiedeva “la risistemazione ambientale, comprensiva dell’assetto definitivo delle discariche, delle lavorazioni eseguite in difformità dalla Pronuncia di Compatibilità Ambientale e dal Nulla osta del Parco, ricostruendo l’assetto dei luoghi precedente le opere difformi” e “integrare le opere di riduzione in pristino e sistemazione ambientale delle aree ricadenti in area parco sulla base del limite tra l’area contigua di cava e l’area parco.”

Total
0
Condividi
Lascia un commento
Total
0
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: