Marina di Carrara: arrestato latitante di 25 anni

Viveva in un appartamento a due passi dal mare un giovane di 25 anni originario della Romania che era ricercato dalle forze dell’ordine da quasi due anni. Su di lui pendeva un ordine di cattura a seguito di una condanna a quasi tre anni di carcere per reati in materia di stupefacenti, ma aveva approfittato della concessione dei domiciliari per rendersi uccel di bosco. Nella sua abitazione i carabinieri hanno trovato anche un etto di hashish e materiale per lo spaccio.


Il pregiudicato, era sparito dalla circolazione nell’estate del 2019, quando si trovava agli arresti domiciliari in provincia di Pisa, a seguito di una condanna per varie questioni di droga legate al possesso di significative partite di cocaina e hashish che in passato gli erano state sequestrate dai militari dell’Arma, prima in Versilia e poi nella zona di Follonica, località dove evidentemente aveva messo in piedi dei traffici illeciti.

La sua latitanza, però, si è conclusa lunedì notte a Marina di Carrara, quando si è imbattuto in una pattuglia dei carabinieri che stava effettuando dei controlli lungo il litorale, nel corso dei servizi messi in campo nel fine settimana dalla compagnia dei carabinieri di Carrara al comando del Maggiore Cristiano Marella, per arginare i fenomeni di illegalità e degrado.


Quando il capo equipaggio ha intimato l’alt, il venticinquenne non ci ha pensato su due volte ed è scappato a tutto gas. A quel punto, è iniziato un inseguimento a forte velocità lungo il litorale verso Massa, che si è concluso in fondo a viale da Verrazzano, dove termina la strada e ha inizio la scogliera. Non potendo più proseguire, il fuggitivo ha abbandonato l’auto con a bordo la sua convivente e si è diretto di corsa verso il mare, tallonato da un carabiniere che non lo ha mai perso di vista e lo ha inseguito fin sopra gli scogli, dove alla fine il giovane è stato catturato.


Appena preso ha dichiarato di essere ricercato dalle forze dell’ordine e non ha più tentato nessuna resistenza, ha solo chiesto di avvisare il suo avvocato. La vicenda però ha riservato ancora delle sorprese, infatti quando i militari dell’Arma lo hanno perquisito, hanno trovato sulla sua autovettura alcune dosi di hashish. A quel punto, dopo aver individuato il covo del latitante, vale a dire un appartamento con vista panoramica sul mare poco distante dal luogo dove è stato catturato, è scattata una seconda perquisizione.


Gli investigatori del Nucleo Operativo entrati in azione nel cuore della notte per passare al setaccio l’abitazione, hanno trovato dietro il televisore una tavoletta di hashish, insieme a due bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. Al termine dell’operazione è stato sequestrato complessivamente quasi un etto di hashish, prova di come il venticinquenne non aveva smesso di avere a che fare con la droga nemmeno durante il periodo in cui si è sottratto alla giustizia rendendosi irreperibile.


Alla resa dei conti, il giovane rumeno, oltre a dover scontare quasi tre anni di carcere per la condanna che era rimasta in sospeso per lo stato di latitanza, è stato anche dichiarato in arresto per detenzione illecita di stupefacenti, mentre la connazionale che era con lui, una donna di 37 anni con precedenti penali che prima di trasferirsi a Marina di Carrara abitava in Provincia di Lucca, è stata ritenuta sua complice e quindi denunciata in stato di libertà.
L’esito dell’attività è stato comunicato al Pubblico Ministero Rossella Soffio, a seguire per il venticinquenne si sono aperte le porte del carcere di Massa.

Total
2
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
2
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!