Lunigiana: madre scompare prematuramente, con i suoi organi aiutate quattro persone

Non ci si abitua mai alla generosità di chi pur in un momento di profondo dolore riesce a trovare la forza per essere d’aiuto agli altri.? Così una giovane mamma è mancata per una morte improvvisa, ma darà la possibilità di vivere, grazie alla sensibilità dei propri familiari che hanno permesso l’espianto, ad altre persone malate in attesa di ricevere gli organi.

L’espianto multiorgano, eseguito grazie al coordinamento direzionale, è avvenuto all’Ospedale Apuane che ha messo a disposizione la grande professionalità dello staff di rianimazione e della sala operatoria. ”In questi casi il risvolto etico e psicologico – spiega Claudio Rasetto, coordinatore di presidio per la donazione di organi e tessuti dell’ospedale – riveste un’importanza fondamentale per la cultura del dono”.

“Grazie a questo dono – continua Rasetto – abbiamo permesso a una giovane di 30 anni, gravemente malata di cuore, di continuare a vivere; due pazienti malati di reni non dovranno più fare la dialisi e qualcuno tornerà a vedere”. ?La cultura della donazione, nel nostro territorio, è da anni in costante aumento, anche se sono ancora tante le barriere da vincere. Parlare della donazione aiuta a superare gli ostacoli della diffidenza per creare sempre più una diffusa sensibilità sociale che in parte deve ancora essere colmata.? Un ringraziamento particolare va ai medici presenti, Mario D’Amico, Claudio Rasetto e Antonella Battaglia, e agli infermieri, Roberto Raineri e Laurence Cocchi.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!