L'associazione Fischia il Vento domani a Carrara per un esposto in Procura contro Manfredo Bianchi

#Farelegalità, questo lo slogan dell”associazione Fischia il Vento di Albenga, che ha deciso di prendere posizione contro il gesto di Manfredo Bianchi, il professore carrarino cha aveva innalzato sul Sagro la Bandiera della RSI proprio a pochi giorni dalla ricorrenza della strage di Vinca. Domani il presidente Giuliano Arnaldi, insieme con l’avvocato Andrea Marmentini membro del direttivo dell’associazione, si recherà a Carrara per denunciare Bianchi per apologia di fascismo e vilipendio alla bandiera.
“Abbiamo deciso di partire da Albenga per presentare un esposto nella Procura di competenza – spiega Arnaldi – Non vogliamo fare notizia ma pensiamo che la forza tranquilla della legalità debba essere esercitata con l’applicazione delle leggi spesso tanto sacrosante quanto ignorate.
Chi fa il leone da tastiera e pensa che lo strillare rimanga virtuale si sbaglia. Le conseguenze si ripercuotono nella vita reale. I loro gesti non si limitano a Facebook. Soprattuto questo dovrebbe essere preso in considerazione da un insegnante che dovrebbe formare i giovani Domani – prosegue il presidente di Fischia il Vento – Saremo in Procura alle 10. In seguito incontreremo il presidente dell’Anpi provinciale, informato della nostra iniziativa. Alle 11 andremo ad incontrare il Prefetto Enrico Ricci e cercherò anche di arrivare al Provveditorato degli Studi perchè la traccia di questo passaggio sia segnata. L’Associazione Fischia il Vento si occupa di memoria e Resistenza e cerca di mantenerle vive. Non a caso abbiamo scelto la data del 7 settembre, vigilia dell’8 settembre, che per noi è il giorno della rinascita. Una data storica quella dell’armistizio del 1943 in cui molte persone abbandonate dal loro Stato Maggiore fecero una scelta non ideologica – conclude Giuliano Arnaldi – I primi a salire sui monti furono i militari che sentirono quale era la parte giusta da cui stare”.
A sostegno di #Farelegalità è intervenuto anche Jimmy Ghione, reporter del programma Striscia la Notizia, da anni sostenitore delle iniziative di Fischia il Vento. Ghione in una mail all’associazione ha spiegato: “Condivido l’iniziativa ce state assumendo nel denunciare l’ennesimo, triste episodio di pericolosa apologia del fascismo. Chi ha dato il suo sangue per consentirci di vivere nel rispetto delle regole democratiche e condivise non può essere offeso e dimenticato”.

Total
0
Condividi
Lascia un commento
Total
0
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: