Il sindaco Magnani risponde a Trasporto Unito: a marzo in vigore il divieto di transito ai mezzi pesanti

Dopo le sollecitazioni per il divieto di transito ai mezzi pesanti all’interno del centro abitato aullese da parte del rappresentante del sindacato Trasporto Unito Piero Adorni, arriva la risposta del sindaco Silvia Magnani che fa luce sulla questione.

“Questa ordinanza – spiega il Primo Cittadino – è una delle azioni che era già stata stabilita e progettata all’interno della task force del commercio per rendere più vivibile la città anche dal punto di vista della pubblica incolumità messa a rischio dal passaggio dei tir all’interno del centro abitato. Questa iniziativa è stata già vagliata dall’Amministrazione Comunale che ha iniziato a lavorare sull’ordinanza a partire dal mese di giugno. E’ stato un lavoro immane che ha richiesto diversi monitoraggi necessari per preparare gli atti. E’ stato avviato un tavolo con la Prefettura e redatto un progetto per la predisposizione di tutta la cartellonistica per non creare problemi di traffico improvviso nelle aree vicine come Santo Stefano e Pontremoli.”

“Mi fa specie – adesso si riferisce direttamente ad Adorni – che arrivati al tavolo delle concertazioni con l’ordinanza già pronta e che vedrà la sua attuazione nel mese di marzo, che il Signor Adorni, al quale avevo concesso un appuntamento e con il quale ho parlato del problema del casello autostradale a Ceparana nato dalle conseguenze create dalla viabilità della Ripa, e al quale avevo prospettato che in tempi brevi sarebbe stata attuata l’ordinanza, oggi venga ad accusare l’Amministrazione o a cercare di sollecitare il Sindaco a fare una cosa che è già in piedi da mesi e che, ai primi di marzo, vedrà la luce. Al contempo questo atteggiamento ci tranquillizza perché vuol dire che Trasporto Unito la vede come la vediamo noi: ha capito qual è la reale esigenza e appoggia l’emissione di questa ordinanza.”

L’ordinanza, chiarisce infine il sindaco, riguarderà tutti quegli autotreni e autoarticolati che attraversano il centro abitato e che, ad oggi, sembrano ammontare a 200 giornalieri. Saranno previste delle eccezioni per garantire alle attività produttive del post una circolazione che non sia dannosa per loro. Quindi il divieto riguarderà un determinato arco temporale della giornata.

Total
0
Condividi
Lascia un commento
Total
0
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: