Dopo una lite in strada i carabinieri scoprono un chilo di hashish e 80 grammi di cocaina

I carabinieri hanno scoperto che dietro un violento litigio tra due cittadini stranieri avvenuto a febbraio di quest’anno, c’era un regolamento di conti legato ad una partita di cocaina e hashish tenuta nascosta a due passi dal mare. Oltre al sequestro di tutta la droga, i militari dell’Arma hanno recuperato un tesoretto di 11 mila euro, ritenuto il ricavato dello spaccio. Per entrambi è scattata la denuncia per spaccio continuato e detenzione illecita di stupefacenti.
Le indagini che hanno consentito ai carabinieri di infliggere un altro duro colpo alle bande di spacciatori che trafficano droga nella zona di Carrara e dintorni, sono partite ai primi di febbraio, quando un equipaggio della Radiomobile è intervenuto a sirene spiegate presso la Camera del Lavoro in viale XX Settembre, dove era stata segnalata una rissa fra cittadini stranieri.


Quando i militari dell’Arma sono arrivati sul posto, hanno trovato quattro persone originarie del Marocco, tutti volti noti alle forze dell’ordine. Dai primi accertamenti è emerso che solo due di loro, un uomo di 26 anni e uno di 32, entrambi senza documenti di soggiorno, si erano messi le mani addosso al culmine di una discussione dai toni molti accesi. Ad avere la peggio era stato il più giovane, che dopo le prime cure ricevute sul posto, era stato portato in ospedale, dove i medici gli avevano diagnosticato un trauma cranico.
Si era trattato di un episodio dai risvolti poco chiari, infatti la versione raccontata “a caldo” dai due contendenti non aveva convinto i militari dell’Arma, che avevano approfondito le indagini.


Alla fine, i carabinieri di Carrara, guidati dal comandante della compagnia, il Maggiore Cristiano Marella, sono riusciti a individuare un bilocale al pianterreno di un condominio ubicato in via Maestri del Lavoro, a pochi metri dalla spiaggia di Marina di Carrara, dove non era passato inosservato agli abitanti del posto uno strano via vai di cittadini extracomunitari, che a detta di qualcuno si era intensificato negli ultimi tempi, suscitando anche qualche preoccupazione.


Quando i militari dell’Arma hanno fatto irruzione nel locale, si sono trovati davanti una specie di dormitorio, ma i due protagonisti della lite hanno spergiurato di non abitare lì. Durante la perquisizione, però, è spuntato un borsello con dentro tutti i documenti del 32enne magrebino, compreso il suo passaporto rilasciato in Marocco, inoltre in casa è stata trovata una dose di cocaina, sostanze da taglio e vario materiale di confezionamento, insieme ad una mazzetta di banconote avvolte nel cellophane trasparente, pari a 11mila euro in contanti.
Il clamoroso retroscena è venuto alla luce quando i carabinieri hanno trovato dentro un anfratto sotto un balcone della palazzina, due sacchetti di cellophane con dentro quasi un chilo di hashish insieme a circa 80 grammi di cocaina, in parte suddivisi in dosi già pronte per la vendita, identiche a quella che era stata trovava nel bilocale. Un altro fagotto con dentro mezzo chilo di hashish appartenente alla stessa partita è stato trovato addirittura in spiaggia, nascosto sotto un cespuglio per ripararlo dall’umidità.


I carabinieri si sono insospettiti quando hanno trovato tracce di sabbia non solo nel bilocale dove hanno effettuato la perquisizione, ma anche nel sacchetto pieno di droga trovato sotto il balcone, perciò, vista la vicinanza con la spiaggia libera di Marina di Carrara, hanno pensato bene di dare un’occhiata anche lì, dove effettivamente c’erano delle orme recenti che puntavano dritto al nascondiglio dove poi è stata recuperata la droga.
Alla fine, il lavoro dei carabinieri ha consentito di scoprire che i due erano “soci in affari” collegati allo spaccio di significative partite di cocaina e hashish, perciò la loro lite furibonda era stata scatenata da questioni legate a soldi e droga. Per entrambi, oltre al sequestro di tutta la droga e della somma di denaro in contanti, è scattata la denuncia per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti aggravata dalla continuazione.


Saranno le analisi di laboratorio a stabilire il principio attivo delle sostanze sequestrate, invece per ricostruire la provenienza della droga già si è rivelata molto utile la fotografia presente sulle tavolette di hashish che raffigura una serie televisiva francese dedicata al mondo dei rapper, la stessa immagine che era presente su un ingente carico di droga sequestrato alla fine dell’anno scorso in Emilia Romagna.

Total
1
Condividi
Lascia un commento
Articoli simili
Total
1
Share
it_ITItalian

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: