I comuni lunigianesi aiutati da Stato e Regione, ma quanto?

I comuni italiani possono contare anche su entrate da contributi statali e regionali. A questo scopo può essere interessante capire quali ne ricevono di più e quale ente contribuisce in misura maggiore. Inziamo dicendo che per garantire il proprio funzionamento i comuni non fanno affidamento solo su risorse proprie, raccolte attraverso le imposte e tasse comunali. A queste entrate correnti possono aggiungersi anche quelle che derivano da contributi e trasferimenti da parte di altri enti. In particolare, i livelli territoriali direttamente superiori al comune: la regione di appartenenza e lo Stato.

Stato e regione possono finanziare le entrate correnti dei comuni a vario titolo, e i loro trasferimenti compaiono in apposite voci del bilancio comunale.

Per quanto riguarda i trasferimenti dallo Stato, la categoria 1 delle entrate derivanti da contributi e trasferimenti correnti include tutte le somme di denaro che lo Stato trasferisce, per diverse ragioni, al comune per contribuire alle sue spese di funzionamento

I trasferimenti dalle regioni invece compaiono in due voci distinte:

una (la categoria 2) comprende i trasferimenti correnti “ordinari”;
l’altra (la categoria 3) consiste nei fondi che la regione attribuisce al comune per funzioni delegate. In sostanza, la regione può delegare il comune a svolgere determinati servizi e funzioni per suo conto, compensandolo con un apposito contributo. Questo include tutte le somme di denaro che la regione trasferisce al comune per permettergli di svolgere determinati compiti che la regione stessa ha delegato all’ente locale, in aggiunta alle funzioni amministrative proprie.

Nel 2014, la città che ha ricevuto complessivamente più fondi da regione e stato è Trieste. In tutto si tratta di 711,56 euro pro capite, di cui la grande maggioranza arriva dal livello regionale (676,37 euro) e solo una piccola porzione dallo stato (35,19 euro per abitante).

Al secondo posto Roma. Nella capitale il contributo di stato e regione è più equilibrato, con una leggera prevalenza del primo, essendo rispettivamente a 273,86 e 225,17 euro pro capite. Terzo posto per Milano, dove torna a prevalere la regione, che ha contribuito con 229,15 euro per abitante a fronte dei circa 165 statali.

Tra le città che hanno ricevuto nel 2014 meno contributi e trasferimenti da stato e regione troviamo Padova, Torino, Bologna. Nella prima prevalgono i finanziamenti regionali, mentre nelle ultime due quelli statali.

E nei nostri piccoli comuni? Facendo riferimento a contributi trasferimenti pro capite dalla regione, Aulla ha ottenuto 82 euro pro capite, seguita da Comano con 44, Casola con 27, Mulazzo e Zeri 26, Podenzana 25, Fosdinovo 17, Filattiera 16, Pontremoli 12 e tutti gli altri al di sotto dei 10 euro pro capite.

Dallo Stato invece Fivizzano nel 2014 ha ottenuto 271 euro procapite che lo porta ad essere il comune più remunerato, in questo modo, della Toscana, seguito poi da Aulla con 57 euro pro capite, Fosdinovo con 54 euro, Zeri con 44, Mulazzo 31, Podenzana 30 e tutti gli altri al di sotto

Negli allegati trovate quanto hanno percepito dallo Stato e dalla Regione i comuni lunigianesi nel 2014 (purtroppo l’aggiornamento dei dati, nella loro esposizione al pubblico va molto a rilento).

 toscana-2
toscana

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!