Ancora sull'anonimato

Riprendo ancora oggi, brevemente, il concetto di anonimato in Rete, tanto più che questa sera si dovrebbe svolgere proprio ad Aulla una ennesima manifestazione ideata da qualcuno che rifugge all’idea di presentarsi con nome e cognome, così come ha sempre fatto.

Da quanto ho avuto modo di capire ci sono tre motivi principali che hanno fatto sì che il fenomeno locale abbia preferito rimanere oscuro: la volontà di non legare il proprio nome a opinioni espresse, paura di qualcuno che possa aggregare informazioni personali per usi fraudolenti e volontà di starsene al sicuro da eventuali ripercussioni sul proprio lavoro o sulla propria vita privata.

Condivisibile? Non so, quello dell’anonimato è un tema che necessita cautela e molta informazione. Mantenere i propri dati al sicuro è quanto mai rilevante e, aggiungerei, importante per poter avere un profilo sicuro sulla Rete, ma i social network sono fatti proprio per condividere la propria esperienza reale nel mondo dell’iperconnetività, dei numeri e del virtuale, nell’esprimere una certa “vanità” della propria esistenza digitale. Ed è una cosa che fanno sia gli utenti “verificati” che quelli “anonimi”.

Sono anni che Google monitora le nostre preferenze, presto Facebook diventerà ancora più presente nella nostra vita quotidiana, io credo che in questo mondo ormai ibrido sia necessario eliminare la possibilità della creazione di utenti anonimi. Bisognerebbe chiedersi, prima di dare credibilità a qualcuno di cui non si sa né nome né cognome quanto vale la sua opinione, il suo giudizio, il suo parere, soprattutto sapendo che esso stesso non è disposto a mettere il proprio nome dietro alle cose che scrive. Quanto vale l’opinione di un commentatore che, potenzialmente, si maschera dietro l’anonimato per nascondere il suo conflitto d’interessi sui temi affrontati, per occultare il fatto che parli su mandato?
E quanto vale soprattutto la citazione di un parere dietro al quale non possiamo rintracciare una persona, un percorso di studi, una competenza provata?

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!