Anni Ottanta e Novanta, arriva il festival a Carrara questo fine settimana

Ottanta Novanta, il festival all’insegna della nostalgia, per rivivere insieme due decenni indimenticabili

Gli anni Ottanta e Novanta tornano in scena a Marina di Carrara, e lo fanno in grande stile: a pochi passi dal mare, nella moderna e prestigiosa location di uno dei quartieri fieristici più importanti della Toscana, prende corpo una nuova rassegna di due giorni, che promette di conciliare la dimensione dello spettacolo con il piacere di uno shopping al di fuori del tempo. Aperta al pubblico dalle 10:00 alle 19:00 di sabato 19 e domenica 20 maggio, Ottanta Novanta racconta la storia di due decenni entrati a pieno diritto nell’immaginario collettivo, tramite la viva voce dei loro protagonisti.

RENATO POZZETTO: VENT’ANNI DI CINEMA E COMICITÀ

Ad aprire il denso programma di spettacoli è un mito del cabaret e della cinematografia italiana. Sabato 19 maggio Renato Pozzetto ci parla dei suoi anni Ottanta e Novanta, ripercorrendo la storia del costume e della cultura popolare attraverso gli straordinari successi che costellarono la sua carriera in quel periodo: film come Un Povero Ricco (1983), Il ragazzo di Campagna (1984), Da Grande (1987) vengono rievocati nel racconto del loro assoluto protagonista.

Un’occasione imperdibile per omaggiare un attore e uomo di spettacolo i cui lavori cinematografici, teatrali e televisivi sono entrati nella memoria condivisa di intere generazioni.

SPETTACOLO E TELEVISIONE AMARCORD

Alzi la mano chi non ricorda Manuela Blanchard, conduttrice del celeberrimo contenitore pomeridiano Bim Bum Bam. Oppure Mauro Serio, volto noto di un altro storico format per ragazzi – il programma di Rai Uno Solletico. A Ottanta Novanta entrambi salgono sul palco

per rievocare quelle straordinarie esperienze televisive, e poi scambiare due parole con i fan ormai diventati adulti.

Vent’anni d’intrattenimento per ragazzi: non solo Mauro e Manuela, ma anche i due maggiori interpreti delle sigle dei cartoni animati. Sabato 19 maggio Giorgio Vanni racconta i suoi primi passi nel mondo della musica – dalla partecipazione a Sanremo fino all’incontro con Alessandra Valeri Manera – e poi regala ai visitatori esclusive versioni in acustico di alcune sigle che lo hanno consacrato al grande pubblico. Domenica 20 è la volta di Cristina D’Avena con uno show indimenticabile, un grande viaggio in musica capace di unire le generazioni sulle note delle melodie più amate dai bambini di tutte le età. Infine Giovanni Muciaccia – attore teatrale e personaggio televisivo, noto conduttore di Art Attack tra gli anni Novanta e i primi Duemila – si appresta a salire sul palco, foglio e pennarelli alla mano, per un laboratorio d’arte cui tutti possono partecipare.

A Ottanta Novanta la televisione è protagonista a tutto tondo: la bravissima attrice Giorgia Trasselli, nota principalmente al grande pubblico per il ruolo della Tata nella sitcom Casa Vianello, racconta la sua ventennale esperienza a fianco di Sandra e Raimondo, una delle coppie più amate del piccolo schermo. E poi Paolo Di Orazio – musicista per la TV in programmi come Le Iene, Maurizio Costanzo Show, Galagoal, Jammin’, Domenica In, Sanremo Giovani ’96, Quelli che il calcio – rivela gli aneddoti televisivi più divertenti della sua lunga e fortunata carriera, all’interno di un talk che coinvolgerà gli altri ospiti della manifestazione in un racconto a più voci.

LA STORIA DEL GIOCO E DELL’INTRATTENIMENTO, TRA VIDEOGAMES E MATTONCINI

Lateralmente alle attività del palco centrale si articolano una serie di aree gioco tematiche e interattive.

Il retrogaming è assoluto protagonista con più di 90 computer e console liberamente giocabili: i grandi sistemi degli anni Ottanta, il Commodore 64, l’Amiga, il Nintendo Entertainment System. Il fascino dei 16 bit, la storica rivalità tra Nintendo e Sega e poi la straordinaria rivoluzione della Playstation.

I LAN party degli anni Novanta riprendono vita grazie all’esclusiva area dedicata agli FPS in local multiplayer, da Quake ad Half-Life e Unreal. E dato che la storia dei videogiochi non è solo home gaming, arriva una ricchissima arcade zone – una vera sala giochi anni Ottanta con i classici videogames su cabinato e minicabinato.

Due decenni di intrattenimento, non solo sul fronte digitale: i più amati giochi da tavolo del periodo in una selezione di Angelo Porazzi e Associazione A.L.A., gli spettacoli di wrestling a cura di Now Entertainment e un’immensa area tematica con intere città di mattoncini, realizzate dai costruttori più abili in Italia. Gioco intergenerazionale per eccellenza, quello dei mattoncini è un passatempo che unisce bambini e genitori, creando una sorta di ponte tra gli anni Ottanta e i giorni nostri. I cinquecento metri quadrati allestiti da Games 4 Fans e dall’Associazione Culturale Brickpatici proiettano il visitatore in un mondo sorprendente, a misura di appassionati e famiglie.

SHOPPING E NOSTALGIA

Negli stand commerciali presenti in fiera è possibile recuperare gli oggetti degli anni Ottanta e Novanta: dai gadget ai giocattoli, dall’abbigliamento ai videogames. Concepito per soddisfare il collezionista e il semplice nostalgico, il nuovo festival carrarese può essere l’occasione giusta per acquistare un cimelio che racconta di un passato ben vivo nella memoria e ancora denso di ricordi.

INFORMAZIONI UTILI

Società Organizzatrice: Ottanta Novanta S.r.l.

Indirizzo e-mail di riferimento: segreteria@ottantanovanta.it

Apertura al pubblico: sabato 19 e domenica 20 maggio 2019

Orario: dalle ore 10:00 alle ore 19:00

Costo biglietti: 10€ intero, 8€ ridotto. Ingresso gratuito bambini fino a 6 anni

SUL WEB

Sito: www.ottantanovanta.it

Pagina Facebook: Ottanta Novanta Carrara

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!