Licciana riapre il Municipio e festeggia il premio "Angeli di San Giuliano"

Questa mattina la piazza di fronte al municipio di Licciana Nardi si è animata con le risate dei bambini che hanno fatto da corollario, interpretando le fiabe da loro stessi scritte, alla riapertura dello stabile comunale dopo i lavori di restaurazione e di messa in sicurezza contro il rischio sismico. L’edificio è stato restaurato con un miglioramento antisismico sino al 90% della struttura, con uno sforzo congiunto di Regione e comune per un totale di 330 mila euro. La fetta più grande del contributo è spettato alla Toscana che ha investito 240 mila euro, il comune di Licciana per compartecipare a questa spesa non ha aggiunto liquidità, ma ha ceduto 5 garage, per un valore stimato di 90 mila euro, alla ditta Digiset appaltatrice dei lavori. Il nuovo municipio, rientrando  a pieno titolo nella normativa in materia di sicurezza, potrà anche ospitare nei suoi locali il centro Coc nel momento in cui sopraggiungessero delle emergenze. Una garanzia sia per i dipendenti comunali, che durante questi 6 mesi di cantiere hanno espletato il loro compito in sedi diverse, sparse tra il capoluogo comunale e la frazione di Terrarossa, ma anche per i cittadini che ogni giorno usufruiscono dei servizi messi a disposizione dall’ente.

Contestualmente a questa inuagurazione, il centro cittadino è stato il teatro all’aperto per i bambini delle scuole elementari di Licciana, Fivizzano, Fosdinovo, Vagli e Viareggio, che hanno messo in atto rappresentazione di fiabe, scritte da loro stessi a tema libero, all’interno del contenitore rappresentato dal Premio “Gli Angeli di San Giuliano”, che giunge quest’anno alla quarta edizione e organizzato da Paolo Cortopassi. Una manifestazione che punta a ricordare le vittime del crollo della scuola primaria di San Giuliano di Puglia, sensibilizzando inoltre i bambini sui comportamenti da tenere in caso di sisma. I bambini si sono avvicendati tra di loro per esibirsi in piccoli spettacoli colorati e pieni di spensieratezza, allietando i genitori ed il pubblico, numeroso, intervenuto. Le sette fiabe finaliste sono così andate in scena, sotto l’abile regia delle maestre, denotando come la fantasia e l’inventiva l’abbiano fatta da padrone nella produzione del testo favolesco. Una grande organizzazione anche per quanto riguarda i costumi, realizzati dai piccoli attori in erba, che hanno reso ancora più avvincente la trama. Era pur sempre una competizione, per quanto tutti abbiano dato un importante contributo, e quindi c’è anche stato spazio per la premiazione delle prime tre classificate. Sul gradino più alto del podio sono saliti gli alunni della 4 e quinta elementare di Vagli di Sopra, secondo posto per la quinta elementare di Viareggio; il bronzo se lo è aggiudicato la prima elementare sempre di Viareggio.

Total
0
Shares
Lascia un commento
Related Posts
Total
0
Share

Aiutaci a mantenere libero e gratuito questo giornale.
Una persona informata contribuisce a migliorare il mondo!