UIL: “Pulizie e Cup Asl, non sono lavoratori di serie B, serve più sicurezza e uguale trattamento”

Il referente della Uiltrasporti, Angelo Lieti: "Affrontano la pandemia con contratti da fame".

0
99

“Sono lavoratori silenziosi, che si vedono poco e non stanno mai sulle prime pagine o in televisione. Eppure la loro opera oggi è quanto mai necessaria e indispensabile e non possiamo accettare che siano trattati come ‘invisibili’ dall’azienda sanitaria. È certo vero che gli operatori del Cup e addetti alle pulizie non sono formalmente dipendenti dell’Usl Toscana nord ovest ma di cooperative e aziende esterne. Ma vivono quotidianamente il rischio dell’esposizione al contagio da Covid19 e per loro chiediamo con forza dignità, pari trattamento, misure di sicurezza e una stabilizzazione certa”. È Angelo Lieti, referente della Uiltrasporti Massa Carrara, a lanciare un appello a nome dei lavoratori Cup e delle pulizie per conto dell’azienda sanitaria di area vasta.

“Non si sono fermati mai un momento dall’inizio della pandemia – prosegue Lieti -. Hanno assicurato pulizia e sanificazione, prenotazioni di visite e prelievi, analisi, iscrizioni al servizio sanitario, cambio di medico. Lo hanno fatto con spirito di abnegazione, mettendo a rischio anche la loro incolumità a fronte di pochissimi dispositivi di protezione individuale. Non si sono mai tirati indietro. Hanno fatto il loro mestiere con contratti da fame, a 7 euro lordi all’ora, lontani dalla ribalta, dalle interviste e dalle fotografie. Per loro nessun elogio. Ma senza di loro probabilmente tutto sarebbe andato molto peggio. Adesso chiediamo all’azienda sanitaria quantomeno di ‘pareggiare i conti’”.

Significa poche ma concrete azioni per migliorare le condizioni di lavoro: “Servono protezioni individuali migliori, magari fornite dalla stessa Asl come fa per gli altri lavoratori, perché le cooperative e gli appaltatori esterni non possono farlo alle condizioni con cui hanno vinto le gare al ribasso, ovviamente. Per ora hanno solo mascherine chirurgiche e quelle Ffp2 se le sono comprate da soli. Chiediamo accessi contingentati, solo su appuntamento in questa fase di emergenza – conclude il referente Uiltrasporti -, perché troppo spesso questi lavoratori si trovano davanti persone malate, anche positive a Covid. Chiediamo tute di protezione, come per gli altri lavoratori. Chiediamo sicurezza e dignità, con una internalizzazione da tempo promessa e ancora non mantenuta”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.