Forza Italia: “Strada Provinciale 4 Massa – Lucca, a quando la messa in sicurezza?”

0
479

Strada Provinciale 4 Massa – Lucca, a quando la messa in sicurezza?
“Da tempo immemore riceviamo segnalazioni sullo stato disastroso della strada provinciale “Tecchia”, n. 4, il tratto montano che collega Massa a Lucca, in particolare nella parte che conduce da Massa ad Arni. Ci vengono segnalati tratti in cui il guard-rail è basso e rischioso,  (addirittura assente in alcuni tratti) l’illuminazione completamente carente, il manto stradale dissestato. Numerose sono le segnalazioni fatte in vari modi dai cittadini dei paesei di Arni, Antona, e via discorrendo. 
Una situazione insostenibile che va avanti da anni e che necessita di una soluzione non più rinviabile”. Questa la denuncia di Giampaolo Giannelli, Responsabile Dipartimento lavori pubblici e trasporti Forza Italia Toscana.

“Oltre alle segnalazioni ricevute (l’ultima in ordine di tempo quella di Arianna Bertuccelli, Presidente del comitato che rappresenta varie realtà imprenditoriali della zona) abbiamo letto sui social numerose recensioni negative da parte di cittadini e di titolari di ristoratori. I ristoratori, in particolare, denunciano il crollo verticale della clientela preoccupata per la mancanza di sicurezza della strada in questione. Tra l’altro – precisa Giannelli – siamo in un tratto dove il panorama mozzafiato delle Alpi Apuane e delle cave sarebbe davvero favorevole anche per un turismo di breve e medio raggio, sia pure in un momento così complicato come quello da covid 19.Una situazione, questa, che tra frane, risistemazioni parziali e via discorrendo, si trascina da anni, senza che il problema (in particolare la messa in sicurezza) sia stato risolto. Auspichiamo quindi – conclude Giannelli – che questo anno, così funesto da tanti punti di vista, veda finalmente gli enti preposti occuparsi di questa strada provinciale, sempre più malmessa e pericolosa”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.