Il Sindaco Giannetti ribatte alle accuse della Sinistra Unita Fivizzano

0
226

Avendo appreso dagli organi di stampa la volontà della Sinistra Unita Fivizzano di non appoggiare più il Sindaco Giannetti Gianluigi e la sua maggioranza, lo stesso Sindaco vuole fare chiarezza respingendo le accuse di essere ostaggio del PD e del suo segretario comunale: “Spiace leggere di accuse infondate, soprattutto perché gli stessi esponenti di questa Sinistra Unita auspicavano nei mesi scorsi un cambio di giunta lamentando lacune e poca presenza di alcuni assessori, proponendo di volta in volta nomi alternativi, esterni agli attuali consiglieri, da mettere al posto di questo o quella”.

“Ma facciamo un po’ di cronistoria, la sinistra unita, aveva eletto, nella coalizione di maggioranza, alle elezioni del maggio 2019, un loro rappresentante il consigliere Luca Confetti, che però nel corso dei mesi ha deciso di abbandonare la stessa componente di sinistra per approdare al PD lamentando un non coinvolgimento degli organi direttivi della sinistra. All’indomani delle elezioni nella formazione della giunta la Sinistra Unita chiedeva a gran voce un ruolo di assessore, la priorità era mettere un membro esterno. Non avendo avuto disponibilità da parte del Sindaco Giannetti alla nomina di un assessore esterno la richiesta divenne quella di dimezzare l’indennità di carica degli amministratori, per quelle logiche populiste che hanno valore morale, ma che devono toccare gli altri e non se stessi, tuttavia l’accordo fu raggiunto e la Sinistra Unita diede il proprio apporto alla maggioranza in cambio della richiesta sopradetta”.

Il Sindaco Giannetti senza giri di parole chiarisce: “L’uscita della Sinistra Unita è un atto puramente strumentale, a supporto degli attacchi fatti nei giorni scorsi da un altro gruppo politico. Evidentemente certe logiche legate alle spartizioni di poltrone, del quale sono stato accusato, ma che in realtà nulla hanno a che vedere con il cambio dell’assessore, puramente di carattere organizzativo/amministrativo, ma che anzi sono assolutamente bandite dalla mia Amministrazione, infastidisce e rende inermi gli attori che hanno sempre fatto il bello e il cattivo tempo nel nostro territorio”.

“A riprova della strumentalizzazione delle notizie e della volontà di creare rumore attorno all’amministrazione del Comune di fivizzano, che preciso è ben salda e compatta – conferma il primo cittadino di Fivizzano -, vi è l’uscita sempre della Sinistra Unita sulla volontà di riqualificazione dell’ex cinema ‘Ideal’ di Monzone, perché escono solo oggi, quando la delibera di consiglio che approva uno stanziamento di euro 150.000,00 per una riqualificazione dell’area, è del 29 settembre 2020? La risposta è chiara, bisogna creare malcontento attorno all’Amministrazione. Ma noi non ci perdiamo in chiacchere da bar, presentiamo progetti concreti realizzabili e finanziati, non raccontiamo favole e non illudiamo le persone con sogni poco credibili, affrontiamo i problemi e proviamo a risolverli”.

“Per quanto riguarda l’ex cinema di Monzone, nell’ottica di uno sviluppo turistico dell’intero Comune di Fivizzano abbiamo pensato di riqualificare un’area che da troppo tempo è abbandonata, pericolosa e fatiscente, in passato quel territorio ha visto sindaci, assessori, consiglieri Regionali, consiglieri Comunali, ma nessuno ha preso in considerazione la sistemazione di quella struttura, l’attuale Amministrazione lo ha fatto, stanziando ben 150.000,00 euro di risorse di bilancio, puntando su di un abbellimento, riqualificazione e miglioramento dell’area in oggetto anche a servizio delle scuole soprastanti. Stiamo predisponendo un progetto che sarà messo al vaglio della cittadinanza di Monzone per trovare le soluzioni giuste con chi vive in quella frazione per una vera amministrazione partecipata, senza forzature ma con una condivisione globale, convinti che con buon senso, idee chiare e trasparenza massima si possa fare il bene di tutti”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.