Arrestato produttore “indoor” di marijuana

0
238

Nel corso della notte il Nucleo Investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Massa Carrara, in seguito ad un servizio teso a contrastare lo spaccio di sostanze stupefacenti nell’area carrarese, ha perquisito un giovane i cui movimenti erano apparsi sospetti al personale impegnato nel servizio.

Le manovre sospette sono state notate quasi per caso da uno degli uomini del Nucleo Investigativo durante il transito nella zona di Codena, sufficienti comunque ad approfondire la posizione del soggetto il quale, già con qualche precedente alle spalle per vicende di droga, è stato fermato mentre si allontanava frettolosamente dalla zona, in direzione di Sarzana. Sottoposto a perquisizione presso l’abitazione, inizialmente il giovane ha tentato di mostrarsi collaborativo esibendo un involucro con della marijuana essiccata, che però costituiva evidentemente solo una piccola parte di quella che poi è stata trovata in altri nascondigli, tra cui in un vecchio carillon e nei mobili della casa. Ciò che però i carabinieri non si aspettavano di trovare è stata una pistola lanciarazzi cal.22, perfettamente funzionante, su cui sono in corso approfonditi accertamenti per stabilirne la provenienza, trattandosi comunque di un’arma comune da sparo, come considerata dall’attuale normativa in materia. A conferma della “passione” del giovane per le armi, sono stati rinvenuti e sequestrati anche diversi coltelli a serramanico.

Nel corso della perquisizione i militari hanno scoperto inoltre quasi 1200 euro in contanti, da considerare quale provento dell’attività di spaccio degli stupefacenti e l’attrezzatura completa per la produzione “indoor” della marijuana  tra cui una serra, lampade alogene, fertilizzanti, attrezzi per l’essicazione, e vasi ormai vuoti in quanto le piante, tenuto conto dell’avanzare della stagione autunnale, erano già arrivate a maturazione e quindi essiccate per ricavarne il prodotto finale. Sequestrati anche 3 bilancini di precisione e materiale vario per il confezionamento delle dosi.

Per L.B., 26 anni è scattato l’arresto per cui è stato sottoposto agli arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida, come disposto dall’Autorità Giudiziaria. Dovrà rispondere dell’accusa di detenzione finalizzata allo spaccio di sostanze stupefacenti e di detenzione abusiva di arma comune da sparo.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.