Le raccolte fondi

0
133

Durante il periodo peggiore della Pandemia, quando gli ospedali hanno iniziato ad essere pieni di malati Covid e il paese entrava in lockdown sono partite un po’ ovunque delle iniziative il cui scopo è stato quello di aiutare il Servizio Sanitario Nazionale.

Un articolo del Corriere della Sera ha stimato che le donazioni di denaro si sono concentrate nei territorio più colpiti: 162 milioni in Lombardia, 84,3 in Emilia Romagna, 52 in Veneto. Tuttavia è abbastanza indicativa come numerazione, dato che non esiste un database nazionale e non si può ricostruire una cifra completa.

Le pubbliche amministrazioni hanno, per decreto, l’obbligo di pubblicare sul proprio sito come è stato speso ogni singolo euro ricevuto in donazione. Il termine di questa scadenza è il 15 ottobre.
Ai primi di questo mese gli unici che hanno rispettato in anticipo l’obbligo sono stati la Lombardia, la provincia autonoma di Trento e l’Emilia Romagna. Altri enti molto puntuali sono stati lo Spallanzani di Roma e la Protezione Civile.

Le regole per le raccolte fondi private sono meno stringenti, esse non hanno l’obbligo di rendicontazione, più o meno sappiamo che sono stati raccolto 197 milioni di euro, quasi tutti già utilizzati.

E quelle spontanee nate da iniziative di privati cittadini o associazioni?
Diciamo che il Covid ci ha insegnato che organizzare raccolte di beneficenza non è poi così semplice, vuoi la burocrazia, vuoi i macchinosi sistemi di recupero e versamento dei fondi raccolti (molti si sono scagliati contro la piattaforma GoFundMe, la stessa scelta dalla coppia Fedez- Ferragni).

Molte raccolte fatte non sono andate a buon fine. Molte sono state recapitate per una certa percentuale all’Ospedale di riferimento, molte sono finite interamente nelle tasche di chi ha avviato la raccolta. Il Corriere della Sera parla di Go Fund Me e una sorta di lato oscuro del cosiddetto fundrising.

Purtroppo è andata così. Anche voi avete fatto donazioni durante la pandemia? Avete avuto traccia di come sono stati utilizzati i fondi raccolti? Raccontateci la vostra esperienza.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.