La Spezia, occupano abusivamente un appartamento in via Napoli: denunciati dalla polizia di Stato

0
150

Nel primo pomeriggio di mercoledì 30 settembre, veniva richiesto al 112 l’intervento della Squadra Volante in via Napoli in quanto, all’interno di un immobile di proprietà dell’Azienda Territoriale Regionale per l’Edilizia, che sarebbe dovuto risultare libero in quanto l’ultimo locatario era purtroppo deceduto, erano state segnalate alcune persone che stavano tentando di effettuare un allacciamento abusivo alla fornitura di metano.

Sul posto gli agenti hanno trovato un legale rappresentante della predetta azienda che constatava la rottura di un vetro e le inferriate metalliche divelte nella parte posteriore dello stabile. All’interno dell’appartamento è stata riscontrata la presenza di una coppia, una donna italiana ed un sedicente cittadino tunisino, entrambi trentacinquenni, che risultavano aver preso possesso di tale abitazione già da tempo, essendosi allacciati abusivamente alle utenze domestiche elettriche ed idriche ed avendo disposto nell’immobile i propri effetti personali.

I due sono stati condotti negli uffici della Questura dove, dai successivi accertamenti esperiti, la donna risultava avere a suo carico vari precedenti di polizia inerenti reati contro il patrimonio e contro l’ordine pubblico; l’uomo, invece, risultava avere a suo carico numerosi precedenti penali anche sotto vari alias, sia in materia di immigrazione che di spaccio di sostanze stupefacenti, nonché alcune violazioni amministrative di minor rilevanza.

A seguito della querela sporta dal legale rappresentante dell’ARTE, la coppia è stata denunciata per il reato di “invasione di terreni o edifici” (art.633 C.P.) e le chiavi dell’abitazione sono state riconsegnate all’ente, che ha ripreso materialmente possesso dell’immobile, per provvedere ad una doverosa messa in sicurezza, per procedere a successiva assegnazione secondo i termini di legge.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.