Lo Spezia entra nella storia dopo 38 gare di campionato e 4 di play off

0
304
Foto dal sito ufficiale Spezia Calcio

di Bruno Fazzini – Dopo essere entrato nella storia come terzo classificato nel torneo cadetto ha risolto le due finali contro il Frosinone meritandosi la promozione, una città impazzita di gioia ed entusiasmo, nonostante lo stadio vuoto in virtù del protocollo impartito dalla lega riferito al codiv-19, i tifosi collocati all’esterno dello stadio “Alberto Picco” come era successo nella gara di semifinale contro il Chievo hanno fatto sentire il loro ininterrotto calore alla squadra. Dalla limitrofa provincia spezzina è arrivata la notizia tanto sperata da sodalizio del patron Gabriele Volpi, dalla squadra dai tantissimi tifosi spezzini e anche dalla lunigiana, lo Spezia calcio 1906 sale per la prima volta nel massimo campionato italiano.

Dopo essere entrato nella storia come terzo classificato nel torneo cadetto ha risolto le due finali contro il Frosinone meritandosi la promozione, una città impazzita di gioia ed entusiasmo, nonostante lo stadio vuoto in virtù del protocollo impartito dalla lega riferito al codiv-19, i tifosi collocati all’esterno dello stadio “Alberto Picco” come era successo nella gara di semifinale contro il Chievo hanno fatto sentire il loro ininterrotto  calore alla squadra.

Merita ricordare i centrocampisti Giulio Maggiore da Filattiera cresciuto nelle giovanili aquilotte e Paolo Bartolomei per i trascorsi nella Massese nei campionati dal 2009 al 2013. Grande encomio per tutto il sodalizio bianco dal suo patron al timone per tantissimi campionati, direttori, dirigenti,giocatori… fino al magazziniere. Il gran salto di categoria senza dubbio porterà tanto benefico a tutta la città e provincie limitrofe, per quanto riguarda la gara del “Picco” subisce la rimonta dei ciociari ma regge fino al 96’ e festeggia la promozione per il grande obiettivo raggiunto.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.