Escursione guidata nelle cave per le ragazze della comunità Serinper

L'iniziativa resa possibile grazie a Marmotour Michelangelo che ha offerto l'iniziativa: "Iniziative importanti per chi vive dentro le comunità, per uscire, conoscere la storia e la cultura locale"

0
273

“Le ragazze della comunità di Marina di Massa tutte insieme in fuga dal caldo alla scoperta delle cave di marmo di Carrara. Un’esperienza davvero unica, ricca di storia e bellezza che le ha lasciate a bocca aperta. Grazie anche all’ottima guida di Francesca Dell’Amico, di Marmotour Michelangelo, che ha offerto la guida e ha davvero organizzato un viaggio nel tempo fra arte e cultura”.

Un ringraziamento che arriva dal cuore, quella di Alessio Zoppi ed Enrico Benassi, presidente e amministratore delegato della cooperativa social Serinper. Le giovani ospiti di una delle comunità protette gestite dalla cooperativa apuana, hanno infatti vissuto una giornata davvero unica fin dentro il cuore delle Alpi Apuane, nel tempio del marmo, del prezioso oro bianco scavato sin dai tempi dei romani.

“Per molte di loro è stata la prima volta fin dentro il ventre della montagna e quello che hanno visto, il frutto del lavoro dell’uomo, resterà certamente nella loro mente – proseguono Zoppi e Benassi -. Il tour dentro la cava in galleria forse più bella del mondo le ha lasciate piene di stupore. Così come il panorama che si vede dai Ponti di Vara sulla corona delle montagne e delle cave a cielo aperto. Sono iniziative importanti per i ragazzi che vivono in comunità perché permettono di passare qualche ora di svago, fuori dalle strutture protette ma comunque in completa sicurezza, seguite dai nostri professionisti, andando alla scoperta delle bellezze del mondo. Iniziative – concludono – che speriamo di continuare ad arricchire grazie anche alla collaborazione di persone dotate di grande sensibilità come Francesca Dell’Amico di Marmotour Michelangelo, che ringraziamo ancora”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.