Carrara, focolaio Covid a centro accoglienza, UIL: “Mancate procedure di controllo su lavoratore”

La denuncia del segretario Uil Fpl, Claudio Salvadori: "Il dipendente ha operato fra vari Cas, compreso quello di Bonascola. Pretendiamo risposte urgenti"

0
427

“Focolaio Covid al centro di accoglienza gestito da Casa Betania a Carrara, non sono state attivate le procedure di controllo su tutti i lavoratori. Pretendiamo risposte urgenti perché quanto sta accadendo è solo la punta dell’iceberg di un comportamento scorretto da parte dell’associazione”. A puntare il dito è il segretario della Uil Fpl, Claudio Salvadori, che poche ore fa ha scritto alla direzione della Onlus per chiedere chiarimenti sulla gestione dell’emergenza con particolare riferimento al caso di un operatore.

“Il nostro iscritto ci ha contattato allarmato per quanto sta avvenendo. Ha prestato servizio, infatti, in vari Cas fra cui proprio quello di Bonascola dove da poche ore è emerso un focolaio Covid19 con una ventina di positivi che rischia di estendersi a macchia d’olio. Anche in altre province visto che  il nostro iscritto si è spostato da un centro all’altro, entrando in contatto con decine e decine di persone. Eppure – prosegue Salvadori – nonostante la grave emergenza ci risulta che non siano state attivate le procedure del caso”. Il segretario Uil Fpl ci va giù duro con la dirigenza dell’associazione: “Ricordiamo che le disposizioni normative nazionali e regionali emanate per contrastare l’emergenza epidemiologica da virus Covid-19 prevedono l’adozione di misure di contenimento alla diffusione del virus ben specifiche. Chi è entrato in contatto con un caso confermato o anche solo probabile deve essere segnalato all’Usl che farà le opportune valutazioni e prenderà le misure più opportune, dall’isolamento al tampone. A oggi il lavoratore, nostro iscritto, in mancanza di disposizioni urgenti, sta effettuando percorsi con il nostro supporto a titolo esclusivamente personale ed è per questo che vogliamo chiarimenti con estrema urgenza e un incontro al più presto, quando le condizioni di sicurezza lo permetteranno, con la dirigenza di Casa Betania. Vogliamo infatti discutere anche altri aspetti prettamente sindacali – conclude Salvadori – come le ripetute mancanze e i continui ritardi nell’erogare gli stipendi che spesso e volentieri vengono dati solo in percentuale sul dovuto e che a volte ‘saltano’ anche mesi”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.