Crollo del ponte di Albiano Magra, presto un bando a sostegno delle imprese

0
217

In arrivo un bando da 150mila euro per far fronte ai danni subiti dalle imprese del territorio danneggiate dal crollo del ponte sul fiume Magra, avvenuto lo scorso 8 aprile. Lo stabilisce una delibera approvata dalla giunta regionale nell’ultima seduta. L’intervento riguarda le attività economiche con sede nella frazione di Albiano, comune di Aulla (MS).

Possono beneficiare dell’agevolazione le piccole e medie imprese regolarmente iscritte presso la Camera di commercio ed i titolari di partita iva in possesso dei seguenti requisiti: esercenti attività economiche e produttive extragricole; la cui attività non risulti cessata al momento di presentazione della domanda; sede legale e/o unità locale nella frazione di Albiano; inattive al momento della presentazione della domanda, purché l’attività venga ripristinata prima dell’erogazione del contributo.

La misura massima del sostegno finanziario è calcolata fino al 50% del valore del danno, quantificato in base alla differenza tra il valore del fatturato del periodo per il quale il soggetto richiedente è stato autorizzato all’esercizio dell’attività durante l’emergenza sanitaria da Covid ed il valore mediano del fatturato negli stessi periodi degli ultimi tre esercizi, riparametrato sullo stesso numero di giorni. Nel caso di imprese esercenti attività prevalentemente manifatturiera il contributo è quantificato dalla differenza tra il valore dei costi di trasporto e approvvigionamento registrati nel periodo per il quale si è stati autorizzati all’esercizio dell’attività durante l’emergenza sanitaria ed il valore mediano di tali costi negli stessi periodi dei tre esercizi precedenti.

Le imprese richiedenti devono garantire il mantenimento dello stesso numero di dipendenti alla data dell’1 aprile 2020 e sottoscrivere l’impegno a garantirne il mantenimento fino a erogazione del saldo.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.