La Spezia potenza i servizi di prevenzione e vigilanza in provincia

0
126

Il Questore Burdese, su conformi determinazioni assunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica, ha disposto l’intensificazione delle misure di prevenzione e vigilanza avviate a fine giugno, adeguandole al maggior flusso turistico registrato nella provincia da metà luglio.

Il dispositivo di potenziamento messo in atto dalla Polizia di Stato in ambito provinciale ha visto l’incremento dei servizi di vigilanza e sicurezza, con l’espressione dei più elevati standard nelle attività a proiezione esterna a tutela di residenti, villeggianti e turisti. Nel Comune della Spezia, la Squadra Volante dell’Ufficio Prevenzione Generale può fare affidamento su preziose risorse aggiuntive, 6 Assistenti di Polizia, trasferiti dal Ministero in Questura, personale che ha maturato importanti professionalità negli uffici territoriali e di Specialità in cui ha prestato un’attività pluriennale. Il Questore, proprio per incrementare la risposta operativa e di prossimità della Polizia di Stato nei mesi estivi, ha destinato tutti i neoassegnati ai servizi di controllo del territorio su strada, quelli svolti nelle 24 ore dalle Volanti.

Importante anche lo sforzo operativo sul fronte della sicurezza della mobilità di chi transita lungo strade, autostrade, treni e traghetti della nostra provincia.

La Polizia stradale è impegnata in prima linea su strade e autostrade, al fine di contrastare e prevenire comportamenti pericolosi alla guida, in particolare la guida in stato di alterazione psicofisica per assunzione di alcool o sostanze stupefacenti e l’eccesso di velocità.

In ambito ferroviario, gli agenti della Polfer oltre che nelle principali Stazioni di La Spezia e Sarzana, assicurano anche negli scali minori della riviera la sicurezza dei viaggiatori e dei convogli, con un particolare focus sulla prevenzione di furti e borseggi ai danni dei turisti nelle principali località della costa, a partire dalle 5 Terre. Ripresi a pieno regime anche i servizi di scorta delle pattuglie di personale appositamente qualificato Polfer, a bordo treno, lungo le tratte più frequentate.

L’Ufficio Polizia di Frontiera Marittima in ambito portuale, in attesa della ripresa dell’attività crocieristica, è impegnato massimamente negli orari di maggior afflusso di turisti presso il Molo Italia, la Passeggiata Morin e nelle zone limitrofe, con particolare  riguardo agli imbarchi dei traghetti diretti verso le perle della riviera spezzina.

Resta alta l’attenzione rivolta ai litorali ove sono state registrate alcune condotte a rischio tra i bagnanti, specie ragazzi e giovani, ed alle spiagge di maggior richiamo, con servizi dedicati per il controllo in mare svolti da personale specializzato dell’UPGSP e del Centro Nautico e Sommozzatori della Spezia, con l’impiego di Acquascooter che stanno perlustrando Porto Venere e Lerici e relative frazioni, nonché Marinella di Sarzana e Fiumaretta, in pieno coordinamento con i servizi territoriali del Commissariato e dei Carabinieri e con la Capitaneria di Porto.

Tutte le attività sul territorio sono coordinate 24 h su 24 dalla Sala Operativa della Questura, centro nevralgico dove confluiscono le criticità tramite il 112 NUE e da cui vengono gestiti gli asset della Polizia di Stato e l’interfaccia in tempo reale con le altre Forze di Polizia ed enti di soccorso.

Per elevare la sicurezza di tutti e ovunque, l’invito del Questore alla cittadinanza è sempre quello di mantenere comportamenti individuali attenti, responsabili e prudenti, oltre che di segnalare al NUE 112 eventuali richieste di soccorso od intervento fornendo indicazioni precise di localizzazione e descrizione dei fatti che si stanno osservando, in modo da mettere le sale operative nelle condizioni di attivare tempestivamente i capillari dispositivi che sono già presenti e integrati sul territorio. Rammenta anche che, in caso di fatti di reato, la collaborazione dei testimoni è assolutamente determinante, sia nel diramare l’allarme che nelle fasi successive per consentire agli investigatori di raccogliere elementi utili all’efficace prosecuzione delle indagini, proprio come avvenuto in numerose occasioni, in ultimo nella recente aggressione sulla pista ciclabile di via dei Pioppi. Quasi sempre, la stessa presenza di passanti e la loro telefonata per richiedere l’intervento di polizia hanno indotto gli autori ad interrompere l’azione criminosa in corso se non a desistere.

Un tessuto sociale sano e solidale come quello della comunità spezzina, in tante circostanze, ha saputo esprimere i propri anticorpi prestando soccorso immediato alla vittima e/o comunque attivando in sicurezza l’allarme, condotte civiche assolutamente virtuose che hanno contribuito alla rapida identificazione e fermo dei responsabili di reato da parte della Polizia di Stato, e alla loro immediata messa  a disposizione dell’AG.

I servizi di polizia così potenziati proseguiranno per tutta l’estate, continuando nell’opera di sensibilizzazione al rispetto della normativa anticontagio vigente.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.