“Affacciati alla finestra”, ancora musica al NOA con Luca Bertone e Anacleto Orlandi

0
437

La rassegna “affacciati alla finestra” programmata dalla Associazione “Donatori di musica” nei tempi della emergenza sanitaria, ha ospitato il concerto del duo Diecicorde. Un duo “locale” (un carrarino ed uno di Seravezza) che ha allietato con alcune personalissime interpretazioni pazienti, visitatori e medici dell’Ospedale delle Apuane.

Manca il Direttore di Oncologia Andrea Mambrini, impegnato per un convegno, ed è allora l’oncologa Simona Bursi che si incarica delle presentazioni: “Luca Bertone, quarantenne carrarino, ed Anacleto Orlandi, sessantenne versiliese, sono i due musicisti che oggi ci regaleranno un’ora di autentica emozione. Amici da tempo della nostra Associazione – continua la dottoressa – sono due personaggi assai eclettici che offrono, nelle loro esibizioni, una impronta personalissima di stralci musicali. Prediligono il blues e le melodie country ed urbane dell’America post bellica, ma non disdegnano valutazioni affascinanti di brani moderni. Insomma, due autentici talenti che imprimono nelle loro note tutto il bagaglio artistico e geniale che anni di studio ed una inclinazione particolarmente generosa, hanno loro portato.”

Diecicorde hanno poi iniziato il loro concerto con alcuni brani di Albert Collins, Freddy King e Luis Jordan. Applauditissimi da subito, hanno però conquistato definitivamente il loro pubblico quando hanno accennato Isn’t she lovely una delle musiche eterne regalateci da Stevie Wonder. Alternando assoli di chitarra e basso sulla base dell’armonia ritmata dell’invenzione del cantante americano, Bertone ed Orlandi hanno inanellato una sequenza di perle geniali che hanno entusiasmato una platea accaldata e svogliata. Il resto del concerto, seguitissimo da quel momento, ha confermato, se mai ce ne fosse stato bisogno, le virtù straordinarie dei due musicisti.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.