Acquedotto in Lunigiana, interrogazione al Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord del gruppo Insieme per il Territorio

0
281
Acqua pubblica

Presentano un’interrogazione al Consorzio di Bonifica i consiglieri di minoranza del gruppo Insieme per il Territorio, Giampaolo Bertola, Pietro Casali e Fortunato Angelini, dopo il caso di Davide Spediacci ad Aulla che ha avuto una forte eco per i temi portati alla luce in maniera plateale del giovane agricoltore di Bigliolo.

“La  protesta  disperata di un agricoltore della Lunigiana – affermano i tre consiglieri – chiama direttamente in causa i vertici del Consorzio di Bonifica 1 Toscana Nord. Seppure certi metodi vadano censurati, è pur vero che il Consorzio debba lavorare alla risoluzione dei problemi. Leggiamo in una nota dell’ente che ‘l’acquedotto irriguo  della Lunigiana è ormai vetusto, negli anni ha avuto  bisogno  di centinaia d’interventi’. Al presidente Ismaele Ridolfi, sempre celere a sottoscrivere dei primati in ogni campo, chiediamo allora di sapere quali atti ufficiali ha compiuto per realizzare un nuovo impianto, con tecniche all’altezza dei tempi, in grado di avere risparmi d’acqua, contenimento delle spese di gestione in grado di soddisfare le necessità degli agricoltori della Lunigiana”.

“Altra cosa – proseguono – è la rivendicazione della Coldiretti di essere presente in assemblea e poter contribuire alle decisioni. Riteniamo che la richiesta sia legittima e invitiamo  il presidente  ad attuare tutte quelle forme democratiche che consentano a tutte le associazione professionali agricole di poter   contribuire  con proprie idee alla   formazione delle decisioni”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.