La Spezia: picchiato e rapinato in strada, la Polizia di Stato denuncia gli aggressori

0
206

Verso le 6.00 di domenica 5 luglio, un ventiduenne cittadino della Mauritania, regolarmente soggiornante, si è presentato in stato di agitazione presso il posto Polfer di La Spezia Centrale, dichiarando di essere stato appena picchiato e rapinato da due cittadini stranieri. I fatti, a suo dire, risalivano a meno di un’ora prima quando in Viale Fieschi nei pressi di un bar aperto fino all’alba l’uomo è intervenuto per cercare di separare due donne che si stavano azzuffando tra loro; a questo punto, però, due cittadini domenicani hanno iniziato a colpirlo al volto, strappandogli maglia e pantaloni e derubandolo del portafogli e del telefono cellulare. Riuscito a scappare, ha raggiunto la stazione centrale e si è rivolto al personale Polfer, chiedendo aiuto ed anche l’ausilio di un’autoambulanza per le cure del caso.

Immediatamente è partita la segnalazione dei due individui alla Centrale Operativa della Questura e pochi minuti dopo un equipaggio della Squadra Volante ha provveduto ad individuare i due cittadini stranieri grazie alla perfetta descrizione raccolta. La Squadra Mobile ha preso parte alle indagini, acquisendo le immagini tratte dalle telecamere di sicurezza della zona, raccogliendo così ulteriori elementi utili sia ai fini della ricostruzione della dinamica che all’individuazione degli autori.
I due fermati, un 26enne e un 33enne entrambi cittadini domenicani, sono stati accompagnati in Questura ed essendo stati entrambi riconosciuti dalla vittima, sono stati deferiti alla competente Autorità Giudiziaria in stato di libertà per rapina.

Continuano invece i controlli amministrativi della Questura sui locali pubblici della zona per verificare, oltre al rispetto degli orari di chiusura e delle modalità di somministrtazione degli alcolici, anche i frequentatori.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.