Filattiera, opposizione all’attacco: “La Provincia intervenga al più presto, prima che sia troppo tardi”

0
704

“È sotto agli occhi di tutti la grave situazione in cui versa la strada provinciale SP34 che porta al paese di Filattiera, interessata, ormai da anni, da un movimento franoso che limita sempre più gli spazi utili stradali già non molto ampi”. A dirlo sono Federico Lucchetti (consigliere comunale di minoranza Comune di Filattiera) e Omar Tognini (consigliere provinciale).

“La necessità di un intervento efficace da parte della Provincia  è resa ancor più evidente dal fatto che (come si vede dalle foto) la frana è situata in prossimità del plesso scolastico del Comune di Filattiera ove, da diverso tempo, si trovano anche gli Uffici Comunali.
L’esigenza di garantire il transito, destinato ad intensificarsi con la riapertura delle scuole, in sicurezza sulla strada provinciale, unica via di collegamento con il centro storico di Filattiera,  rende assolutamente urgente l’intervento da parte della Provincia di Massa Carrara”.

“Tale situazione non è più tollerabile: è necessario che l’Ente intervenga in fretta per evitare che l’aggravarsi del dissesto,  purtroppo inevitabile nella perdurante inerzia dell’Ente preposto, metta a rischio l’incolumità dei cittadini e comprometta irrimediabilmente l’accesso ai servizi pubblici primari come la Scuola e gli Uffici Comunali ma anche alle attività commerciali ed in generale alle abitazioni situate nel Centro Storico di Filattiera”.

“Nelle prossime ore verrà presentata al Presidente della Provincia una interpellanza a nome del Consigliere provinciale Omar Tognini affinché gli utenti del Comune di Filattiera possano ricevere al più presto risposte in merito ai tempi e le modalità di intervento per la risoluzione del problema che persiste da ormai troppo tempo”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.