White Carrara Downtown: è l’edizione del social artist Jago, il primo a inviare una scultura in marmo nello spazio

Centro storico invaso da sculture, installazioni e performance dal 18 al 26 luglio per la quarta edizione del Festival diffuso dedicato al marmo

0
984

White Carrara Downtown nel segno del social artist Jago. E’ stato il primo artista nella storia ad inviare una scultura in marmo nello spazio. La sua opera “The First Baby” è stata ospitata nella stazione spaziale internazionale sotto la custodia del capo missione Luca Parmitano.

Il talentuoso artista italiano, che si ispira agli artisti del Rinascimento spaziando dall’espressività realista della scultura alla produzione video contemporanea, è il super ospite della quarta edizione del Festival diffuso dedicato al marmo organizzato da IMM CarraraFiere Spa, con partner istituzionale il Comune di Carrara, in programma da sabato 18 a domenica 26 luglio nel centro storico di Carrara (info su www.whitecarraradowntown.it). Nonostante la giovane età (34 anni), Jago, vero nome Jacopo Cardillo, vanta un curriculum artistico di grandissimo livello: dalla partecipazione ad appena 24 anni alla 54esima edizione della Biennale di Venezia (Padiglione Italia) ai numerosi riconoscimenti nazionali e internazionali come la Medaglia Pontificia, conferitagli dal Cardinale Ravasi in occasione del Premio delle Pontificie Accademie, Città del Vaticano nel 2010, il Premio Pio Catel nel 2015, il Premio del pubblico Arte Fiera Bologna nel 2017, il Premio Gala de l’Art di Monte Carlo nel 2013, e l’investitura come Mastro della Pietra al MarmoMacc 2017. Tra le sue opere più famose ci sono il busto in marmo dell’allora Papa Benedetto XVI (2009) per il quale nello stesso anno ha ricevuto la Medaglia Pontificia, “Habemus Hominem” (2013) realizzata dopo le dimissioni di Papa Ratzinger, a seguito delle quali Jago scolpisce nuovamente la scultura originale del 2009, rappresentando il Pontefice nudo ed il “Figlio Velato” per la città di Napoli, esposta permanentemente nel quartiere Sanità all’interno della Cappella della Chiesa di San Severo fuori le mura.

Jago sta lavorando alla sua ultima opera: “La Pietà”, che sarà realizzata in marmo bianco di Carrara e collocata in una Chiesa nel centro di Roma.

Se vuoi che la tua scultura sia un capolavoro, – spiega Jago – il materiale che usi deve essere anch’esso un capolavoro”.

La figura di Jago porta a White Carrara Downtown la freschezza di un linguaggio fortemente ancorato all’esigenza di comunicare attraverso nuovi canali capace di unire perfettamente gusto classico e contemporaneo nella continuità dell’impiego della materia marmo. Jago sarà protagonista martedì 21 luglio di una intervista al Marble Cafè itinerante e di una serie di video proiezioni a ciclo continuo sulle facciate degli edifici di Carrara.

Il primo scultore che ha inviato un’opera nello spazio guida la numerosa selezione di artisti che contamineranno con installazioni, performance ed opere – realizzate principalmente in marmo – piazze, strade e palazzi del centro storico dando vita ad una percorso urbano curioso e pieno di significati dove anche neofiti o distratti visitatori possono apprezzare la duttilità espressiva ed applicativa del marmo. A White Carrara Downtown vedremo le opere di Emanuele Giannelli, Emanuele Vatteroni di Vem Marmo, Francesca Menconi, Nadia Sabbioni, Valentina Giovando, Michele Monfroni, Elena Saracino, Elias Naman, Gian Carlo Pardini, Rosario Mainoni, Emiliano Tognocchi & Stefano Bernardi, Elena Frosini, Aidan Salakhova, Studio Marmore+, Manuele Mirabella, Silvana Pianadei, Ilaria Bertagnini, Carmen Bertacchi, Giuseppe Donnaloia, Cinzia Rossi, Luca Gnizio, Giorgio Andrei, Giorgia Razzetta, Niccolò Garbati, Studio Formart, Atelier “Il Glauco”. Una sezione commemorativa sarà dedicata alle opere di Fabrizio Lorenzani, scultore carrarese, da poco scomparso.

A fianco dell’arte, tantissima arte, ci saranno movimento e musica con le contaminazioni liriche di Giacomo Puccini, danza e teatro con “Motus Marmoris”, intrattenimento e cucina locale con “Il Marmo è servito”, gallerie, botteghe e negozi aperti fino a tarda notte a richiamare visitatori ed appassionati. White Carrara Downtown non è solo un festival, è una città che vive d’arte e marmo.

Tutte le iniziative sono ad ingresso libero. Programma ed anticipazioni sono consultabili sul sitowww.whitecarraradowntown.it

White Carrara Downtown by CARRARA²  è un evento organizzato da Internazionale Marmi e Macchine Carrarafiere SpA con il Patrocinio di Regione Toscana – Partner Istituzionali Comune di Carrara e CCIAA Massa-Carrara

White Carrara Downtown si terrà nel rispetto delle indicazioni in materia di distanziamento sociale e delle linee guida anti-Covid.

 Info, notizie e aggiornamenti su:

sito web www.whitecarraradowntown.it

facebook/instagram  @whitecarraradowntown

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.