Lunigiana: Aree montane e aree urbane dopo il Covid-19

0
235

La Riserva di Biosfera MaB UNESCO dell’Appennino Tosco Emiliano si interroga sul rapporto, spesso conflittuale, tra aree interne, territori urbani, di costa e di mare. Continua, infatti, la discussione e l’approfondimento sul tema rapporto e relazione tra città e campagna o città e montagne, che tanto spazio si sta prendendo, finalmente.
Su queste tematiche il Parco Nazionale già da tempo ha proposto un confronto. Con il progetto strategico ‘Parchi di Mare e d’Appennino’ si è voluto creare connessioni e alleanze tra territori vicini. L’emergenza Covid ha reso tutti più consapevoli di quanto sia necessario stabilire queste sinergie.

“Abbiamo città e aree urbane che hanno fame di aria buona, boschi e agricoltura urbana – spiega Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera – e aree rurali che hanno bisogno di connessione, servizi, risorse umane e innovazione. Nel momento in cui la Riserva vuole allargarsi, vuole avvicinarsi alle città e le città all’Appennino per una reciproca collaborazione all’insegna della sostenibilità, è necessario coinvolgere più soggetti. Da qui l’idea di confrontarsi in diversi appuntamenti”.

Il prossimo sarà venerdì 26 giugno alle ore 17.00 con un focus dedicato alla Lunigiana. Partecipano all’iniziativa:
– Fabio Renzi, Segretario Generale Fondazione Symbola
– Franco Arminio, Poeta e Paesologo
– Gianluigi Giannetti, Sindaco di Fivizzano
– Annalisa Folloni, Sindaco di Filattiera
– Barbara Maffei, Agriturismo Montagna Verde di Apella
Modera Fausto Giovanelli, coordinatore della Riserva di Biosfera Unesco MaB Appennino Tosco Emiliano

Per partecipare al webinar si può utilizzare il link us02web.zoom.us/j/81785679397

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.