Massa, parto in casa “guidato” dalla centrale 118. Mamma e bambino stanno bene

0
361
noa massa

Un bambino che ha avuto fretta di nascere. E’ successo ieri, venerdì 19 giugno, in un’abitazione di Massa, dove una donna ha partorito prima ancora che arrivassero sul posto i mezzi di soccorso.

E’ stato un momento davvero emozionante per tutto il personale della Centrale Operativa 118 “Alta Toscana”, per i familiari e per gli operatori sanitari che hanno effettuato il trasporto in ospedale.

“La richiesta di soccorso – spiega il direttore della Centrale Operativa “Alta Toscana” Andrea Nicolini – è arrivata alle ore 12 da un’abitazione di Massa. L’infermiera della Centrale si è resa subito conto, dall’intervista telefonica, che il parto era imminente e, mentre l’operatore tecnico di centrale inviava sull’obiettivo automedica e ambulanza, ha iniziato a guidare telefonicamente i familiari presenti in casa nell’assistenza al parto. Il nostro personale è rimasto collegato ed ha dato istruzioni fino alla nascita del bimbo e quando gli operatori dei mezzi di soccorso sono arrivati sul posto hanno trovato il bimbo già sulla pancia della mamma”.

Il personale di soccorso ha proseguito in maniera adeguata l’assistenza alla giovane donna e al neonato, entrambi poi trasportati all’ospedale Apuane, dove sono stati presi in carico dagli operatori dell’area materno-infantile e stanno bene:

“Sia la mamma che il bambino – conferma il direttore della struttura di Ginecologia ed Ostetricia dell’ospedale Apuane Roberto Marrai – sono in buone condizioni di salute, la mamma sorridente mi ha fatto conoscere il piccolo Tommaso, un pargoletto venuto al mondo in grande velocità. La natura non finisce mai di stupirci. Siamo felici di accogliere nel nostro reparto Tommaso e i suoi genitori”.

Una bella storia, quindi, che unisce una famiglia massese ed il personale Asl del territorio e dell’ospedale.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.