Ospedale delle Apuane: trasferito nelle cure intermedie l’ultimo paziente ricoverato nel  reparto Covid

0
266

L’ultimo paziente ricoverato nel reparto Covid dell’ospedale delle Apuane è stato trasferito nel reparto di cure intermedie dell’ex ospedale di Massa. Si chiude così un periodo difficile per un territorio che è stato particolarmente colpito fin dai primissimi giorni e che ha dovuto, in breve tempo, riorganizzarsi per fronte all’altissimo numero di pazienti che si presentavano in pronto soccorso con sintomi gravi. La risposta dell’intero ospedale è stata tempestiva ed efficace grazie alla professionalità e all’impegno di tutti gli operatori e alla duttilità dell’intera struttura che ha permesso una rapida trasformazione.

All’ospedale delle Apuane sono stati trattati 450 pazienti, età media 68 anni, il più giovane aveva 40 giorni e il più anziano 100 che non ha superato la malattia, mentre la persona più anziana guarita è una donna di 98 anni. I decessi sono stati  111, in questo caso l’età media è salita ad 82 anni.

“Sicuramente i mesi che abbiamo trascorso sono stati difficili e tristi per le tante perdite che il nostro territorio ha dovuto subire – sottolinea Giuliano Biselli, direttore dell’ospedale – ma ci sono stati anche momenti belli. Sicuramente uno di questi è stato ben rappresentato dal primo parto vaginale da mamma Covid positiva in Italia. La bambina è nata Covid negativa, la mamma è stata curata in terapia intensiva per poi essere trasferita a malattie infettive, ora stanno bene entrambe. Anche la coppia di coniugi ultranovantenni, ricoverata nella stessa camera, che è riuscita a “sconfiggere” il virus guarendo sia clinicamente, sia virologicamente, è un ricordo che porterò con me. Infine vorrei ringraziare tutti, a tutti i livelli, un grazie particolare ai collaboratori della direzione sanitaria di presidio che hanno saputo interpretare e risolvere i bisogni  di chi era in prima linea”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.