A Massa “Bus al completo e utenza a terra”

0
452

“Avevamo dato l’allarme un paio di settimane fa con un comunicato stampa sindacale unitario – scrive la Segreteria FIT-CISL -. L’Azienda CTT Nord era corsa ai ripari aumentando la frequenza delle corse su alcune linee, in altre con l’aggiunta di corse bis, ma il sole, il caldo, la bella stagione in genere, ha annullato l’effetto delle iniziative intraprese”.

“Con la fase due è stata anche aumentata la capienza a bordo ma in molti orari è ancora troppa l’utenza costretta a rimanere a terra. I conducenti si trovano in difficoltà sia per rammarico della situazione sia perchè costretti a fare i “buttafuori” invitando l’utenza in eccesso a scendere e ad aspettare la corsa successiva che molte volte non arriva causa il numeroso taglio di corse. Servono dunque provvedimenti urgenti. Non si possono lasciare le persone a piedi con questi caldi sotto il sole ed il peso della spesa che magari si scongela pure”.

“Altro problema è la mancanza di bus. Come Sindacati siamo stati i primi a denunciare il fatto che non si potevano utilizzare i bus piccoli extraurbani ad una sola porta ma adesso le condizioni legate al COVID-19 sono cambiate. Il Governo è passato alla “Fase 2″, c’è maggiore consapevolezza del pericolo nell’utenza che adesso sale a bordo con la mascherina e nella nostra Provincia i dati dei contagiati sono in netta diminuzione seguendo il trend nazionale. I bus piccoli extraurbani in dotazione a CTT Nord non essendo tutti uguali con certe precauzioni, pensiamo possano essere rimessi in circolazione. Naturalmente l’Azienda deve fare le dovute verifiche con gli Enti preposti, tuttavia da parte nostra pensiamo si possano utilizzare sulle linee a minor frequenza, con l’autista dotato di mascherina FFP2 fornita dall’azienda, con gli impianti dell’aria condizionata manutentati e certificati. Per quei bus che ne sono sprovvisti se ne potrebbe fare utilizzo nelle sole giornate di “non pioggia” per permettere di tenere aperti i finestrini e dunque un ricircolo corretto d’aria. Visto che stiamo entrando nella stagione estiva pensiamo sia più che possibile. Aggiungiamo dispenser di gel a bordo bus e l’installazione di pannelli di plexiglass a protezione dell’autista. Nel merito sappiamo che CTT Nord, nella sede di Lucca, ha già predisposto alcuni bus per testarli ed omologarli. Affrettiamoci dunque, è più di due mesi che questi bus sono fermi nei depositi di Massa e della Lunigiana, CTT avrebbe già da tempo aver provveduto alle modifiche necessarie per il loro utilizzo”.

“Entriamo nella “FASE2” anche in CTT, con le dovute tutele a garanzia dell’Autista e dell’Utenza ma entriamoci, anche perché i bus che attualmente circolano sono quelli più vecchi che di solito vengono utilizzati come scorta. In estate hanno problemi seri di temperatura, l’acqua del radiatore va in ebollizione dopo brevi tratti in salita e ad ogni corsa si rischia di lasciare a terra l’utenza nel bel mezzo della corsa. In passato è accaduto molte volte con grande disagio per tutti”.

“Interveniamo – conclude il comunicato la Segreteria FIT-CISL – al più presto fin che si è in tempo. La nostra Provincia ha assoluto bisogno di un Trasporto Pubblico efficiente”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.