Polizia, al via il piano “Prima che sia troppo tardi” antiassembramento a La Spezia

0
115

In vista dell’imminente  week end, con controlli intensificati su tutto il Territorio Nazionale volti a prevenire possibili assembramenti in occasione della ripresa della movida, in ottemperanza alle direttive del Sig. Capo della Polizia – Direttore Generale della Polizia, anche la Questura della Spezia si è mobilitata mettendo a punto un dispositivo operativo per coordinare gli interventi delle Forze dell’ordine.

Nel Tavolo Tecnico del Questore, cui hanno partecipato tutti gli Uffici e Comandi interessati, sono state analizzate le possibili criticità che si potrebbero presentare nel fine settimana nel capoluogo, individuando la più appropriata risposta operativa da schierare sul territorio. Agenti e militari di Polizia di Stato, Arma dei Carabinieri, Guardia di Finanza e Polizia Municipale della Spezia, sotto la direzione di un Funzionario della Questura e il coordinamento della Sala Operativa, saranno presenti  nelle zone della città caratterizzate da una più significativa presenza di avventori, che potrebbero vivacizzare la movida spezzina. Allertati anche i servizi di sorveglianza da remoto, che il comune ha recentemente implementato con la posa di ulteriori telecamere ad alta definizione.

La priorità sarà quella di verificare il rispetto delle regole, con particolare riferimento al divieto di assembramenti ed al rispetto della distanza interpersonale.

Come disposto in Prefettura nel Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica del 18 maggio scorso, il Comune della Spezia si è attivato affinché il dispositivo di ordine e sicurezza pubblica sopra delineato, sia affiancato dall’azione di volontari della Protezione Civile che, mediante l’utilizzo di idonei mezzi di diffusione sonora, inviteranno la popolazione presente sui luoghi della movida cittadina al rispetto delle regole anticontagio. Anche le Associazioni di categoria cittadine si faranno progressivamente parte diligente nel sensibilizzare i frequentatori, in un impegno corale che vedrà quindi coinvolti tutti gli attori principali delle serate spezzine, compresi  i titolari dei locali.

Il dispositivo di prevenzione e vigilanza approntato tiene conto delle preoccupazioni manifestate nei giorni scorsi dai residenti dei quartieri sensibili agli spostamenti della movida, come delle legittime istanze di ripresa degli esercenti e della cittadinanza in cerca di svago, per un  graduale ritorno alla normalità, nell’irrinunciabile rispetto reciproco delle regole anticovid.

Il messaggio univoco che si vuole trasmettere è chiaro, tutte le risorse sono state impiegate non per punire ma per aiutare ancora una volta a capire che il rischio non va sottovalutato e che il senso di responsabilità di ognuno in questa Fase 2, farà la differenza, “prima che sia troppo tardi”. Tuttavia, se nonostante l’impegno profuso nell’attività preventiva, verranno ravvisate delle fattispecie illecite, sarà compito delle Forze dell’ordine perseguirle con rigore per garantire l’interesse superiore della tutela della salute pubblica.

Intensificati anche i servizi a Sarzana, dove il Commissariato Distaccato opererà in coordinamento con Carabinieri e Guardia di Finanza per tutto il week end. Allertati tutti i servizi nella provincia, tramite i Comandi territoriali e le Polizie Municipali.