Massa, sindaco e assessore su riduzione organico scuole: “Ci batteremo per far sì che questo scellerato taglio venga rivisto dal Ministero”

0
276
Scuola

“In un momento di crisi sociale, sanitaria ed economica, mentre ogni categoria produttiva del nostro Paese si trova a dover ripartire col nuovo compagno di viaggio della distanza di sicurezza, diminuendo le ricettività, la socialità e le possibilità lavorative, il Ministero dell’Istruzione agisce ignaro della realtà ed in assoluta controtendenza procedendo ad ingenti tagli degli organici. Se ciò è grave in tutto il territorio diventa addirittura incomprensibile nella provincia di Massa Carrara dove a oggi viene comunicata la riduzione di organico di oltre 30 unità“.  A dichiararlo sono il sindaco di Massa Francesco Persiani e l’assessore all’Istruzione Nadia Marnica.
“Questa riduzione viene giustificata a seguito della perdita di 481 iscrizioni alle scuole di vario ordine e grado della provincia – affermano sindaco e assessore – ma lascia perplessi scoprire che Firenze ad esempio perde ‘solamente’ 35 docenti a fronte di un calo forte di 1288 alunni. È evidente (nonostante non sia stato ancora deciso come e se le scuole riprenderanno dopo l’estate) che questi numeri mostrino il rischio futuro: vere e proprie classi stipate di alunni, le cosiddette ‘classi pollaio’, che se già a cose normali erano una vergogna per la scuola italiana, oggi in tempi di Covid19 (nemico accerchiato, ma purtroppo non ancora sconfitto) diventano una vera questione sociale. Consci dei grandi sforzi e sacrifici a cui abbiamo chiamato le nostre comunità negli ultimi tre difficili mesi, comunità che meritano ben altro rispetto da parte del Governo, ci batteremo in ogni sede per far sì che questo scellerato taglio venga rivisto dal Ministero perché la sicurezza dei nostri figli, nelle nostre scuole, resta per noi una assoluta priorità”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.