Cessione del credito: subito protocollo d’intesa con banche e assicurazioni

0
175

“Subito un protocollo d’intesa con banche e assicurazioni per la cessione del credito. Chiediamo che Rossi si attivi subito per sottoscrivere un protocollo d’intesa con banche e assicurazioni affinché la cessione del credito sia operativa da subito. Nessuno si deve sottrarre alle proprie responsabilità, partendo dalle banche ed assicurazioni, non possiamo perdere tempo”. A dirrlo è Giacomo Giannarelli, Presidente del Gruppo Consiliare MoVimento 5 Stelle Toscana.

“Il rilancio dell’economia passa anche dall’immediata operatività della cessione del credito per i numerosi interventi che possono andare in detrazione. Facciamo un esempio: per un intervento dal costo ipotetico di 10.000 € per fotovoltaico con accumulo o per isolamento dell’ immobile, il cittadino non pagherà nulla. L’impresa incasserà i 10.000 € del costo dell’intervento direttamente dalla banca che a sua volta incasserà il 110% cioè 11.000 € erogati dello Stato.  Dobbiamo sollecitare banche e assicurazioni a fare la loro parte. Il credito fiscale non sempre da solo è un elemento risolutivo, a volte non è utilizzabile per incapienza fiscale, per questo motivo il sottosegretario Fraccaro ha innalzato la detrazione al 110% e ha introdotto la cessione del credito che permetterà di realizzare interventi di riqualificazione delle abitazioni senza nessun anticipo, a costo zero. Dobbiamo pretendere che le banche ed assicurazioni facciano la loro parte. Il fatto che la cessione del credito sia prevista nel decreto Rilancio è un fatto storico, un’ottima notizia che tutto il mondo delle imprese aspettava da anni. Adesso occorre dare operatività a questo strumento. Ho presentato un atto in consiglio regionale – conclude Giannarelli – affinché le imprese e i cittadini della Toscana possano beneficiare della cessione del credito in tempi brevi, per la ripartenza dell’edilizia, per abbattere i costi degli affitti, per creare benessere. Il Presidente Rossi convochi banche e assicurazioni. Per dare fiducia alle imprese ed ai cittadini, per rilanciare l’economia. Ognuno deve fare la propria parte”.