Pontremoli: “Un assessore ha ricevuto un avviso di garanzia e il Sindaco e il capogruppo Ferri hanno tenuto all’oscuro il Consiglio Comunale”

0
687
Pontremoli

“Apprendiamo dai giornali che un Assessore ha ricevuto un avviso di garanzia. Non vogliamo entrare nel merito delle indagini, dei reati contestati e degli sviluppi processuali. Abbiamo piena fiducia nella Magistratura, che, per fortuna, non è quella delle riunioni notturne “del CSM”, in alberghi romani, ma è fatta da donne e uomini dello Stato, che lavorano ogni giorno per la Giustizia”, a dirlo sono i consiglieri all’opposizione nel consiglio comunale di Pontremoli.

“Ringraziamo la Procura della Repubblica di Massa e gli uomini della Polizia Giudiziaria che stanno conducendo le indagini: a loro chiediamo di andare fino in fondo, per fare piena luce su ogni aspetto della gestione di questa Amministrazione, sulla quale ci sono ombre che vanno ben oltre la specifica questione oggetto del recente avviso di garanzia. L’accertamento delle responsabilità penali lo lasciamo a loro, nel pieno rispetto dei ruoli. A prescindere da quelle, esiste un enorme problema politico e amministrativo: la gestione del Sindaco Baracchini e della maggioranza guidata da Ferri privilegia piccoli interessi particolari a danno dell’interesse generale”.

“Questa vicenda conferma che la gestione di questa maggioranza è poco trasparente. È gravissimo che il Sindaco abbia taciuto e nascosto al Consiglio Comunale che un assessore della sua Giunta ha ricevuto un avviso di garanzia. È gravissimo che il capogruppo Ferri non abbia speso una parola su un fatto del genere. Da quanto tempo il Sindaco e il capogruppo Ferri sapevano? Perché non hanno informato il Consiglio Comunale? È giunto il momento di fare chiarezza su ogni aspetto della gestione di questo Sindaco e di questa maggioranza”.

“Visto che le elezioni si avvicinano, vigileremo e ci batteremo perché il Sindaco e la maggioranza non tornino a sperperare centinaia di migliaia di euro di soldi pubblici in asfalti elettorali e altri piccoli favori. È una prassi indecente, che condanna al sottosviluppo e che produce soltanto lavori fatti male, destinati a durare pochi mesi, quando ci sarebbe urgenza di investire su progetti seri, frutto di una visione complessiva e di un’attenta programmazione di lungo periodo. La crisi sanitaria che stiamo vivendo, che è diventata e sempre più diventerà crisi economica, impone scelte chiare, trasparenti, che traguardino l’interesse pubblico e il vero bene del territorio. Adesso il Sindaco inizi spiegando perché ha nascosto un avviso di garanzia”.

Elisabetta Sordi, Umberto Battaglia, Matteo Bola, Francesco Mazzoni

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.