RSA ASL Toscana nord ovest: una task force per monitorare e gestire le RSA

0
415

Una vera e propria task force quella che l’Asl Toscana nord ovest ha schierato per monitorare e gestire le RSA del territorio, in particolare dove sono presenti ospiti positivi al Covid-19.

In 13 strutture residenziali, la Asl Toscana nord ovest, dopo aver effettuato i controlli è subentrata nella gestione diretta del servizio.  E’ importante quindi precisare che il subentro ha determinato una trasformazione delle residenze in strutture per cure intermedie, quindi, attraverso maggior presenza di personale infermieristico e di operatori socio sanitari è stato innalzando sensibilmente il livello di assistenza sanitaria.

In accordo con la Regione Toscana è stata inoltre pianificata l’esecuzione di test sierologici e tamponi su pazienti ed operatori delle strutture, iniziando dalle zone più colpite a livello epidemiologico.

Questo programma di screening ha permesso di controllare quasi tutti gli ospiti e gli operatori delle residenze.

Infatti sui 4.680 ospiti nelle 119 RSA e RSD del territorio (ambiti di Massa Carrara, Lucca, Livorno, Pisa e Versilia) sono stati effettuati 2.590 tamponi e 2.423 test sierologici: 320 sono stati gli anziani trovati positivi, i decessi sono stati 73.

Sugli operatori che lavorano nelle strutture, 4.620 in tutto, stati effettuati ad oggi 2.231 tamponi e 2.321 test sierologici. I positivi al momento risultano 111.

Sono quindi stati controllati territoriali, con percentuali di positività intorno al 6% per gli ospiti ed al 2% per gli operatori.

Anche le attività diagnostiche su pazienti ed operatori delle strutture socio-sanitarie sono monitorate quotidianamente a livello aziendale e tutte le RSA sono state supportate dal personale ASL nella compilazione della scala per la validazione dell’instabilità clinica dei pazienti, che ha consentito di avere parallelamente uno screening basato su criteri clinici e ha permesso di attivare, al bisogno, l’intervento di un’èquipe medico-infermieristica dedicata.

Da ieri (16 aprile) è infatti partita una valutazione clinica con team COVID coordinati dalle centrali operative 118 per l’approfondimento dei casi. Questo permette un’ulteriore selezione dei pazienti da inviare in cure intermedie o eventuali condizioni che richiedano il ricovero in aree COVID ospedaliere.

In precedenza l’Asl aveva effettuato anche altre azioni sulle strutture socio-sanitarie.

Già dal 23 marzo l’unità di crisi aziendale aveva avviato la distribuzione delle mascherine alle RSA e successivamente degli altri dispositivi di protezione individuale (DPI) su richiesta delle strutture che non avevano a disposizione erano quantitativi sufficienti di materiali. La distribuzione continua in maniera regolare ed è monitorata quotidianamente mediante il flusso di gestione dei DPI messo a punto dall’Azienda.

Questa comunque la situazione delle strutture residenziali di ogni zona dove al gestore è subentrata la ASL.

Apuane:

  • Villa Andrea, 22 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • Sempreverde, 26 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Lunigiana:

  • Villa Sant’Angela, 41 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • Fontana d’Oro, 20 ospiti positivi + 13 ospiti della RSA di Fivizzano, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • Pensionato Cabrini, 22 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Piana di Lucca:

  • La Perla, 16 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Valle del Serchio:

  • Paoli Puccetti, 15 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Versilia:

  • La Guidara, 38 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • Villa San Lorenzo, 25 ospiti positivi, uno stabile è stato trasformato in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Valdera:

  • Leoncini, 18 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • RSA Forcoli, 12 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Livornese:

  • Villa del Colle, 23 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;
  • Fondazione Scotto, 6 ospiti positivi, trasformata in cure intermedie di terzo livello con subentro della ASL;

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.