Coronavirus: dall’1 aprile attivi ambulatori a Ceparana, Spezia e Luni

0
820

L’amministrazione comunale di Spezia comunica che su sua sollecitazione, dal 1 aprile saranno attivi tre ambulatori dedicati al trattamento Coronavirus con medici di Medicina Generale a ulteriore supporto e che già operano con i Gruppi Strutturati Assistenza Territoriale per le attività di cura e di monitoraggio dei pazienti con sospetto o conferma al virus al domicilio a Cerapana, La Spezia e Luni.

Un risultato raggiunto a seguito della sottoscrizione dell’accordo aziendale con i sindacati dei medici di Medicina Generale per la presa in carico di pazienti con sospetto Covid-19.

I tre ambulatori Covid-19 MMG nascono dall’impegno di 25 medici di Medicina Generale di voler assistere i pazienti dei colleghi che non devono, su indicazione regionale, andare al domicilio dell’assistito per le visite di pazienti con sospetto Covid e neppure accedere agli ambulatori negli studi dei medici di medicina generale.

Alla Spezia, 12 medici di Medicina Generale hanno dato la disponibilità di uno o due turni settimanali per visitare i pazienti con sospetto Covid-19 negli ambulatori Asl 5 situati all’interno dell’ospedale Militare Falcomatà dalle ore 14 alle ore 18 dal lunedì al venerdì e il sabato dalle ore 9 alle ore 13.

Il primo Gruppo Strutturato di Assistenza Territoriale è operativo dal 12 marzo con sede al Distretto 18 in stretta collaborazione con il 118 di Asl 5. Svolge attività 7 giorni su 7 dalle ore 8 alle ore 20 presso il domicilio, su richiesta di Malattie Infettive, Servizio Prevenzione e medici di Medicina Generale – come da deliberazione A.Li.Sa n. 110/2020 del 25 marzo 2020.

Inoltre, dalla prossima settimana, sarà attivato il camper ambulatoriale circolante Gruppo Strutturato di Assistenza Territoriale frutto dell’accordo tra Asl 5 e il Presidente del Tavolo Sociale della Povertà e il dottor Francesco Tani.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.