Coronavirus: in Lunigiana 31 nuovi contagiati e 4 persone con patologie concomitanti decedute

0
1089

Nell’area vasta dell’Azienda Usl Toscana nord ovest (che comprende anche l’Azienda Ospedaliero-Universitaria Pisana) si sono registrati 148 nuovi casi positivi tra giovedì e venerdì.

Nuovi casi

Apuane: 22
Comuni: 15 Carrara, 7 Massa;

Lunigiana: 31
Comuni: 10 Pontremoli, 1 Aulla , 11 Fivizzano, 2 Licciana Nardi, 1 Mulazzo, 2 Villafranca in Lunigiana, 1 Casola in Lunigiana, 3 Bagnone, 1 Filattiera;

Piana di Lucca: 12
Comuni: 2 Altopascio, 7 Capannori, 3 Lucca;

Valle del Serchio: 5
Comuni: 3 Castelnuovo Garfagnana, 1 Molazzana, 1 Barga;

Zona Pisana: 9
Comuni: 5 Pisa, 2 Cascina, 1 Vico Pisano, 1 Vecchiano

Alta Val di Cecina Valdera: 13
Comuni: 1 Peccioli, 3 Volterra, 4 Calcinaia, 1 Pomarance, 1 Palaia, 1 Bientina, 1 S. M. a Monte, 1 Capannoli;

Zona Livornese: 12
Comuni: 1 Collesalvetti, 11 Livorno;

Valli Etrusche: 2
2 Rosignano M.mo

Elba: 2
Comune: 2 Rio;

Versilia: 23
Comuni: 4 Camaiore, 3 Massarosa, 2 Pietrasanta, 6 Seravezza, 6 Viareggio, 2 Stazzema.

17 casi da attribuire: altra Azienda, altra Regione o dati non disponibili.

Questi i decessi che sono verificati tra il pomeriggio di giovedì e venerdì sul territorio di tutta la Asl Toscana nord ovest:

uomo di 80 anni, di Pisa, deceduto all’AOUP;
uomo di 78 anni, di Fabbriche di Vergemoli, deceduto all’ospedale di Lucca;
donna di 89 anni, di Pontremoli, deceduta all’ospedale Apuane;
uomo di 93 anni, di Pontremoli, deceduto all’ospedale Apuane;
uomo di 85 anni, di Pontremoli, deceduto all’ospedale Apuane;
uomo di 71 anni, di Viareggio, deceduto all’ospedale Versilia;
donna di 89 anni, di Viareggio, deceduta all’ospedale Versilia;
donna di 78 anni, di Pietrasanta, deceduta all’ospedale Versilia;
uomo di 66 anni, di Pietrasanta, deceduto all’ospedale Versilia;
donna di 80 anni, di Seravezza, deceduta all’ospedale Versilia;
donna di 81 anni, di Vecchiano, deceduta all’AOUP;
donna di 58 anni, di Viareggio, deceduta all’ospedale Versilia.

Un altro decesso è avvenuto nelle ultime ore e non era presente nella comunicazione regionale:
uomo di 58 anni, di Pontremoli, deceduto all’ospedale Apuane.

Spetterà comunque all’Istituto superiore di sanità attribuire le morti al Coronavirus: si tratta infatti di persone che avevano patologie concomitanti.

Per quanto riguarda i ricoveri per “Covid-19”, inoltre, ad oggi sono in totale – negli ospedali dell’Azienda USL Toscana nord ovest – 323, di cui 79 in Terapia intensiva.

Dal monitoraggio giornaliero sono infine 4.544 le persone in isolamento domiciliare su tutto il territorio dell’Azienda Usl Toscana nord ovest.

Donazioni

Il Gruppo A.Celli a sostegno dell’ospedale di Lucca contro l’emergenza Covid-19: donato un ecografo portatile

Lucca, 27 marzo 2020 – Le aziende del gruppo Italia Technology Alliance (A.Celli Nonwovens, A.Celli Paper, Extreme Automation), per vocazione da sempre vicino al territorio, alla comunità e al benessere sociale, hanno deciso di avviare un’azione tangibile a sostegno del sistema sanitario pubblico, stanziando una donazione per l’acquisto di tecnologie medicali e dispositivi sanitari.

Nello specifico, dopo un confronto con Sauro Luchi, primario del reparto Malattie infettive dell’ospedale San Luca di Lucca, il gruppo ha voluto sostenere l’acquisto di un ecografo portatile di ultima generazione a tre sonde, utile innesto per rinforzare la strumentazione in uso a supporto dell’assistenza per i pazienti.

Con questa donazione, il gruppo Italia Technology Alliance e i dipendenti tutti hanno voluto offrire un contributo concreto a favore delle persone che stanno lottando contro il Covid-19 ma anche a favore di una categoria messa a dura prova in queste ultime settimane: quella dei lavoratori sanitari.

“Il nostro applauso va a loro: medici, infermieri, operatori sanitari, assistenti, che con infinita passione, con una grande professionalità e sensibilità, si stanno impegnando in questa battaglia, salvando vite umane, mettendo in gioco la propria – sostiene Mauro Celli, azionista del gruppo – su temi come questo non c’è da discutere o esitare: è fondamentale che la maggior parte delle aziende, ma anche le singole persone, per quanto possono, si mobilitino a sostegno di un sistema sanitario duramente messo alla prova dall’emergenza Coronavirus. Dobbiamo lottare tutti insieme, con grande senso di responsabilità, per noi stessi, per le nostre famiglie, per il lavoro e per tutte le attività. Riprendiamoci il nostro futuro, tutti insieme, come una vera squadra vincente”.

La Direzione dell’Azienda Usl Toscana nord ovest e la direzione dell’ospedale di Lucca ringraziano sentitamente il gruppo di aziende Italia Technology Alliance per la generosità dimostrata. In un momento particolarmente critico come questo è importantissimo, per tutto il personale, sentire la vicinanza della propria comunità.

Tanta generosità dalla Valle del Serchio per il pronto soccorso di Castelnuovo di Garfagnana

Castelnuovo Garfagnana, 27 marzo 2020. Il direttore degli ospedali dell’ambito territoriale di Lucca, dottoressa Michela Maielli ringrazia sentitamente la cittadinanza della Valle del Serchio per tutto ciò che ha fatto, con tanta generosità, per il pronto soccorso dell’ospedale di Castelnuovo Garfagnana, diretto dalla dottoressa Piera Banti, che si unisce sentitamente ai ringraziamenti.

Un grazie particolare va alla famiglia Bertolani e alla ditta Antica Valserchio s.r.l. che hanno donato un ecografo già funzionante all’interno della struttura: uno strumento che permette di approfondire le diagnosi contro il Coronavirus.

Un sentito ringraziamento va anche alla Cooperativa Apuana Marmi Vagli che ha donato al pronto soccorso quattro monitor e cinque sedie a rotelle.

In questi giorni la solidarietà da parte dei cittadini, delle aziende e delle associazioni locali è stata straordinaria: 53mila euro sono stati raggiunti con la raccolta fondi promossa dalla signora Nicole Bosi Picchiotti a favore del pronto soccorso dell’ospedale “Santa Croce” di Castelnuovo Garfagnana, con i quali sono già stati acquistati dispositivi di protezione individuale (mascherine, tute, camici monouso) e dieci barelle.

Altri 10mila euro sono stati donati dagli operai della cartiera di Castelnuovo Garfagnana, attingendo dal fondo cassa dipendenti, per l’acquisto di attrezzature sanitarie e dispositivi di protezione individuale.

Kedrion Biopharm, Fratelli Puppa, Amos Papi, Edilgarden, Multicom, Brugi Store, l’odontoiatra Elisa Zampollo hanno donato tute protettive, visiere, mascherine FFP2, FFP3, occhiali protettivi e guanti in lattice.

Un grazie veramente grande va anche ai negozianti, come l’Arte del pane e Il desco, che hanno donato torte dolci e salate per supportare i sanitari nelle brevi pause durante i turni pesanti in ospedale.

La comunità della Valle del Serchio nei momenti veramente duri e drammatici ha fatto sentire la solidarietà concreta ai nostri professionisti, medici, infermiere e OSS, che in questo momento stanno combattendo in prima linea contro il Coronavirus.

#TuttiInsiemeCeLaFaremo

Grazie ai “Notai della Valdera” per la donazione all’ospedale Lotti

Pontedera, 27 marzo 2020. L’Azienda USL Toscana nord ovest e la direzione dell’ospedale Lotti di Pontedera ringraziano sentitamente i “Notai della Valdera” nelle persone di Anna Gaudiano (Ponsacco), Angelo D’Errico (Ponsacco), Sabrina Casarosa (San Miniato), Mario Marinella (Pontedera), Monica De Crescenzo (Pontedera), Simone Anzellotti (Pontedera), Maria Antonietta Denaro (Vicopisano) per la donazione di una sonda che andrà a incrementare la strumentazione sanitaria dell’ospedale, il cui personale è impegnato in prima linea nel contrasto al contagio da coronavirus.

Continuano le donazioni all’ospedale Lotti di Pontedera. I ringraziamenti dell’Azienda

L’Azienda USL Toscana nord ovest e ladirezione dell’ospedale Lotti di Pontedera ringraziano i tantidonatori che in questi giorni continuano a far sentire le propriavicinanza al personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19.

Il Lions Club di Pontedera ha donato 1.000 mascherine prodotte dalla Ditta Giuntini di Peccioli. Altre 300 mascherine sono state consegnate per la Casa della salute di La Rosa. La settimana dal 22 al 28 marzo altre 900 mascherine saranno consegnate alle seguenti strutture: 300 alla Casa della Salute di Pontedera; 300 al Distretto di Ponsacco; 300 al Distretto di Bientina.

La Società 2R srl di Gello di Ponsaccoha donato 30 tute.

La Pizzeria Belindo di Pontedera ha regalato 35 pizze per gli operatori del pronto soccorso e della rianimazione in turno di notte.

L’Ordine degli odontoiatri ha donato 500 mascherine.

Il panificio Gori ha donato schiacciate di Pasqua al personale del pronto soccorso e altre struttureospedaliere.

Terreni Simone ha donato mascherine Dust Mask.

Arte Pizza il 22 marzo ha donato pizze per operatori del pronto soccorso e della rianimazione in turno dinotte

L’associazione Regalami un sorriso onlus ha donato 350 mascherine.

La ditta AGM Mechatronics ha donato 2.000 mascherine chirurgiche e 250 tute.

La Andrea Bocelli Foundation ha donato 140 mascherine.

La Autocarrozzeria Montallaia di Perignano ha donato 45 tute monouso.

La Associazione formazione idraulici di Pisa ha donato 1.000 euro.

La famiglia Carpina di Santa Croce sull’Arno ha donato 300 mascherine chirurgiche.

Il Lions Pontedera ha donato un Ecografo per il pronto soccorso.

La ditta M.M. DI TICLI & C di Bientina ha donato 250 mascherine.

La Flashpoint di Cascina ha donato 40 mascherine chirurgiche.

I “Notai della Valdera” hanno dato un contributo per l’acquisto di una sonda per ecografo del Pronto Soccorso e 500 mascherine.

The Forrest Run ha donato al reparto di Rianimazione del PO Lotti alcool denaturato, 2.000 guanti e 60 flaconi di gel igienizzante.

La pasticceria Brotini di San Miniato ha donato generi alimentari di conforto per gli operatori del pronto soccorso.

La Fisiocosmetica di Vicopisano ha donato confezioni di gel igienizzante.