Gaia S.p.A: “L’acqua emessa nell’acquedotto è potabile. Procederemo a lavori già previsti di rinnovo dell’impianto del Cartaro”

0
322
gaia acqua

Non c’è alcun collegamento tra l’acqua potabile immessa nella rete acquedotto da Gaia S.p.A. e la criticità emersa nella gestione dei residui del processo di potabilizzazione dell’impianto del Cartaro”. A dichiararlo è l’azienda che gestisce il servizio idrico, in merito ai controlli effettuati dai carabinieri del nucleo forestale la settimana scorsa l’impianto di depurazione, controlli che avevano riscontrato alcune irregolarità nella gestione dei fanghi residui.
“I due processi – prosegue Gaia S.p.A. nella nota – all’interno dell’impianto sono ben distinti e si realizzano in sezioni assolutamente diverse, in nessun punto dipendenti o interconnesse. Pertanto l’acqua distribuita ai cittadini non è mai stata interessata da nessun tipo di alterazione ed è potabile, sicura e conforme, come del resto anche verificato periodicamente dalle Autorità sanitarie competenti.

Fatta questa premessa, in relazione alla sezione dell’impianto oggetto di verifica, ovvero  la vasca di sedimentazione dove confluiscono i fanghi prodotti dai processi di dissabbiatura, chiariflocculazione e controlavaggio dei filtri, il gestore idrico Gaia S.p.A. fa sapere di essere pronto a rinnovarne completamente l’intero processo. Tale intervento si realizzerà tramite un’importante ristrutturazione, già pianificata da tempo e inserita nel Piano degli Investimenti approvato da AIT (Autorità Idrica Toscana). Gaia – prosegue la società – ha ereditato questo assetto da una precedente gestione e l’intervento era stato inserito nella programmazione degli investimenti da realizzare nel medio periodo, seguendo le linee di priorità individuate dalla stessa Autorità che privilegiano le opere riguardanti la fornitura di acqua potabile o i maxi interventi sui depuratori. Adesso l’intervento è in partenza: entro questa settimana si procederà all’affidamento dei lavori alla ditta, dopo che sono già state espletate le precedenti fasi di gara. L’intervento prevede la realizzazione di circa 200 mila euro di investimenti, che potranno essere realizzati in 5 mesi. In questa maniera saranno ottemperate le prescrizioni dalle autorità, inoltrate al gestore a seguito di verifica, e si andrà ben oltre quanto richiesto dalle stesse, realizzando in tempi congrui un impianto nuovo e più performante.

L’impegno dell’azienda – conclude la nota – è massimo nel garantire il rispetto e la tutela dell’ambiente: infatti particolare attenzione nel nuovo intervento sarà data al potenziamento del trattamento dei fanghi derivanti dalla potabilizzazione delle acque, operazione che renderà più efficace questo settore dell’impianto”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.