Turismo, Sigeric: sostegno dalle istituzioni per il rischio crisi economica. Torniamo a fare i turisti a casa nosta

0
674

“L’emergenza sanitaria che si è riversata sul nostro Paese, con particolare coinvolgimento del territorio del nord Italia, sta avendo conseguenze economiche anche sulla Lunigiana e sulla vasta area di cui questo territorio fa parte: nel Levante Ligure, sulla Costa Apuana e nell’Appennino Tosco Emiliano, le associazioni di categoria e le aziende di settore turistico come Sigeric si sono già confrontate su questo tema”. Afferma la cooperativa turistica Sigeric che opera in Lunigiana.

“Un rapido sondaggio tra i nostri abituali collaboratori -prosegue Sigeric – come il Resort Ca’ del Moro di Pontremoli, l’Agriturismo Montagna Verde di Apella – Licciana Nardi, i soci di AOTL – Associazione Operatori Turistici della Lunigiana, ma anche le guide turistiche e ambientali dei territori limitrofi, ci ha presto messo di fronte ad una situazione comune: non soltanto si è verificato un rapido annullamento delle prenotazioni, di visite guidate e di gite scolastiche (queste ultime disdette in seguito a Decreto Ministeriale, ma anche ben oltre la data limite del 15 marzo), ma anche ad una generale interruzione di nuove prenotazioni per la stagione a venire, che, come dimostrano i dati delle passate stagioni, arrivano proprio in questo periodo.

Se è chiaro che l’emergenza sanitaria ha la priorità, e che concordiamo con le misure attuate per limitare la diffusione di questo nuovo Virus, il timore è anche quello di una nuova crisi economica, in un territorio già in difficoltà come quello lunigianese, dove il Turismo rappresenta una risorse principali. Non solo per chi, come le guide turistiche e ambientali socie di Sigeric e gli albergatori, ha investito nel settore tutta la propria vita, ma anche per chi, indirettamente, gode dei vantaggi di essere ormai su un territorio a spiccata vocazione turistica, come i ristoratori, le aziende agricole e di prodotti tipici e gastronomici. Queste conseguenze economiche sono causate soprattutto da un panico diffuso, e alimentato da una scorretta e irresponsabile informazione.

La Lunigiana, ma anche la Costa Apuana, il Levante Ligure e l’Appennino, non possono permetterselo: soltanto nel nostro territorio, sono a rischio decine di posti di lavoro, proprio in quelle aziende del settore che negli anni hanno attivamente contribuito a trasformare la Lunigiana in un prodotto turistico unitario, investendo tempo, energie e denaro e rappresentando uno dei pochi sbocchi lavorativi per i giovani del territorio.

Per questo, le Associazioni di categoria e le singole aziende si sono mosse per chiedere sostegno alle Istituzioni locali, regionali e nazionale, dalle quali si resta in attesa di risposte concrete.

E noi, cerchiamo di non fermarci – conclude la cooperativa – visitiamo i nostri parchi e i nostri musei, aperti al pubblico in quest’area considerata lontana dal pericolo, acquistiamo nei nostri piccoli negozi, continuiamo a frequentare i nostri agriturismi e i nostri ristoranti. Dopo il 15 marzo, riprendiamo a mandare i ragazzi in gita scolastica, soprattutto se la scuola resta aperta e gli spostamenti sono vicino casa. Facciamo, per un po’ e come siamo soliti fare, i “Turisti a casa nostra”, per far vedere all’Italia e al mondo che non siamo fermi, che siamo pronti per la prossima stagione turistica”.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.