Podenzana: oggi a Montedivalli incontro per il progetto di allargamento della Riserva della Biosfera

0
350
MaB-Unesco-dellAppennino-Tosco-Emiliano

Continua il percorso di partecipazione a sostegno della candidatura presentata dal comune di Podenzana al progetto di allargamento della Riserva di Biosfera dell’Appennino Tosco Emiliano. Prossima tappa partecipativa si terrà nella frazione di Montedivalli presso la Scuola Materna ed Elementare, oggi, venerdì 20 dicembre alle 17.30. All’incontro seguirà la festa di Natale dei bambini.
“Un’occasione ed un contesto importante che esprime compiutamente il valore del percorso avviato – spiega il sindaco di Podenzana Marco Pinelli – Si parlerà dei principi della Riserva Mab Unesco: conservare e rinnovare lo storico rapporto di equilibrio tra uomo e biosfera, tutelare la biodiversità, difendere e promuovere le numerose produzioni agro-alimentari di qualità, tutelare la diversità sociale e culturale, contrastare il dissesto, monitorare i cambiamenti climatici, sostenere l’agricoltura di montagna, estensiva e di qualità, valorizzare la cultura e la storia.
Parleremo del rapporto tra Uomo (Man) a Biosfera (Biosphere) ai nostri bambini, con l’obiettivo di promuovere e dimostrare una relazione equilibrata fra la comunità umana ed il nostro ecosistema, creando un sito privilegiato per la ricerca, la formazione e l’educazione ambientale, oltre che poli di sperimentazione di politiche mirate di sviluppo e pianificazione territoriale. Un contributo ed uno strumento utile per permettergli di costruirsi il loro futuro nel nostro territorio”
Lanciato nel 1971, il Programma dell’Unesco “L’Uomo e la Biosfera” (MAB) è un programma intergovernativo che mira a creare una base scientifica per il miglioramento del rapporto tra popolazioni e il loro ambiente. Combinando scienze naturali e sociali, economia e formazione, MAB favorisce la tutela degli ecosistemi e la promozione di approcci innovativi allo sviluppo economico, socialmente e culturalmente appropriati e sostenibili per l’ambiente.
Il programma ha portato al riconoscimento delle Riserve della Biosfera, aree marine e terrestri che gli Stati membri s’impegnano a gestire nell’ottica della conservazione delle risorse e dello sviluppo sostenibile, nel pieno coinvolgimento delle comunità locali.
Inoltre sollecita a prendere in considerazione le conseguenze delle azioni di oggi sul mondo di domani e punta quindi ad aumentare la capacità delle persone di gestire in modo efficiente le risorse naturali per il benessere della popolazione umana e l’ambiente.

Leggi anche:

FridayForFuture, Rossi ai giovani: “La Toscana in prima linea con atti concreti”