La Spezia, ordinanza del sindaco Peracchini sull’uso di botti, vetro e lattine

0
676

Il Sindaco della Spezia Pierluigi Peracchini ha disposto con ordinanza il divieto temporaneo all’uso dei giochi pirici e artifici in genere durante le manifestazioni di fine anno nelle aree in cui si svolgono gli eventi di Capodanno, a tutela della sicurezza urbana e dell’incolumità pubblica.

A partire dalle ore 21 del 31 dicembre fino alle ore 3 del 1 gennaio in piazza Verdi, nell’area compresa tra via XX Settembre e via Tommaseo, e in piazza Cavour, nell’area compresa tra via dei Mille e via Fratelli Rosselli, è fatto divieto di accensione e sparo di articoli pirotecnici di qualsiasi classe e specie, compresi i giochi pirici di libera vendita.
L’ordinanza del Sindaco vieta inoltre, nelle medesime aree, dalle ore 01.00 del 1 gennaio 2019 e fino alle ore 3 dello stesso giorno, di detenere a qualsiasi titolo contenitori di vetro e lattine di ogni tipologia.

Alla base del provvedimento, naturalmente, l’esigenza di tutelare l’incolumità delle persone e il patrimonio pubblico e privato, nelle aree interessate dagli eventi in cui è prevista una copiosa affluenza.
Inoltre, l’utilizzo e l’abbandono di contenitori in vetro e lattine dopo il rituale brindisi di augurio per il nuovo anno, oltre a costituire una fonte di pericolo, pregiudica il decoro urbano.

In un secondo provvedimento il Sindaco Peracchini ha invitato la popolazione ad usare la massima cautela – anche nelle aree al di fuori dell’ordinanza – nell’utilizzo dei botti. Alcune tipologie di giochi pirici possono infatti costituire un grave pericolo e arrecare lesioni e disturbo, in particolare ad anziani, minori ed animali.
Il Sindaco Peracchini ricorda che anche le disposizioni regolamentari comunali vigenti prevedono che siano vietati in tutto il territorio comunale comportamenti che possano arrecare molestie alle persone, animali e danni ai beni pubblici, disturbo della quiete, lordatura del suolo, con sanzioni amministrative pecuniarie.

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.