Museo Diocesano di Massa: i colori delle rose secondo Piero Mosti

Si apre sabato 7 dicembre alle ore 18.30 la mostra “Nel segno della rosa” che raccoglie 20 opere che dialogano con i capolavori di arte sacra presente nel museo. Aperta fino al 12 gennaio 2020.

0
404
Mosti

“Nel segno della rosa” è il titolo della mostra di Piero Mosti che si inaugura sabato 7 dicembre alle ore 18.30 al Museo Diocesano di Massa (Ms). Organizzata dall’Associazione Quattro Coronati, direttore artistico Mauro Daniele Lucchesi, rimarrà aperta fino a domenica 12 gennaio 2020.

Mosti, che vive e lavora a Massa, è sicuramente uno degli artisti più ermetici, più intimi dell’arte italiana, che da sempre ha identificato la propria vita con il “fare arte” in una ricerca continua arrivando ad una pittura carica di simbolismo dominata da luce e colore. In questa mostra il filo conduttore è la rosa, un fiore, forse anche per la sua struttura a forma rotonda, che è stato sempre reputato simbolo di completezza e non a caso “la regina di tutti i fiori”. Dalla rosa mistica alla rosa profana, da sempre stata caricata di significati allegorici: la rosa è rinascita, sbocciare di nuove forze e simbolo dell’ineluttabilità della morte, dell’Amor Sacro e dell’Amor Profano, come nell’omonima opera di Tiziano. E’ naturale che la pittura, ne sia influenzata, tutti gli artisti nel corso della storia la hanno rappresentata, affrontandone i molteplici significati, sia in tema religioso sia con significato laico o esoterico e a questo “destino” dell’arte non poteva sottrarsi Piero Mosti. Il percorso espositivo della mostra raccoglie 20 dipinti in cui l’artista dice la sua sulle rose: icone, immobili e silenziose, davanti alle quali lo spettatore non può sottrarsi se vuole essere partecipe della sua pittura. Opere che dialogano con i capolavori di arte sacra presenti nel museo.

Il legame tra pittore e colui che osserva, l’intimismo che si viene a creare tra chi guarda e l’opera, è il grande miracolo della pittura di Mosti. Il velo dato dall’uso personalissimo di colore e luce e da una grande capacità tecnica, gli permettono di addentrarsi nel mondo ad occhi aperti, polvere e polline, con il coraggio e la consapevolezza del vissuto, del sentire, del tempo passato, del trascorrere della vita.

“In queste ultime opere Mosti conclude un altro viaggio verso il suo io – spiega Mauro Daniele Lucchesi -, scavando nel passato (i muri consunti, screpolati, con timidi segni di rinnovamento) per far emergere più che il presente un futuro, simboleggiato dalle rose adagiate su improbabili tavoli azzurri o che hanno un’origine non svelata mentre salgono, come in una ascensione mistica, su improbabili pareti. Rose delle quali Mosti ci “offre” la possibilità di immaginarne la nascita, la vita, la morte, non quindi una rosa ma “la rosa” che trasmette il grande vuoto del silenzio meditativo. Una dimensione concettuale – conclude Lucchesi-, che sembra non cedere all’istintività, una visione inverosimile, che diventa reale soffermando lo sguardo, facendo emergere ricordi”.

Il Museo Diocesano di Massa si trova in Via Alberica 26 a Massa.
La mostra è aperta ad ingresso libero il giovedì, venerdì e sabato e domenica dalle ore 15 alle ore 19, dall’8 dicembre al 12 gennaio 2020 escluso giovedì 26 dicembre.

Info:
tel. 0585499241
Associazione Quattro Coronati: e-mail:[email protected], tel. 3791855725.