Massa, “Un artista viaggiatore in terra apuana”: appuntamento con Apuamater e il perfetto viaggiatore del Grand Tour

0
139

L’associazione Apuamater propone ai soci, agli amici e ai cittadini un incontro, che si terrà, alle ore 17.30 di giovedì 5 dicembre, presso la Coworkeria di via Bastione 43-59 a Massa, con Gabriella Olivieri, socia e membro del direttivo Apuamater, che svelerà l’identità di “Un artista viaggiatore in terra apuana”. Un artista straniero, sconosciuto ai più ma dalla ricca personalità e meritevole di maggior fama, che tanto ha amato la Toscana al punto di farne il suo luogo ideale e la sua dimora definitiva.
Il racconto sarà inframmezzato dalla lettura di brani che descrivono la nostra zona a cura di Fabio Cristiani e Fernando Petroli.

Perchè parlare di questo artista viaggiatore? Perchè, pur non avendo lasciato molte immagini del paesaggio toscano, grazie al suo diario di viaggio, siamo in grado di reperire numerose osservazioni sul territorio da lui attraversato e in particolare su quello apuano. In effetti troveremo descrizioni risalenti a più di 250 anni fa che ci permetteranno di conoscere quello che poteva vedere un viaggiatore di quell’epoca, arrivando nella nostra zona.
Il suo “Viaggio in Toscana, 1725-1745” fa parte di quella particolare letteratura di viaggio che si sviluppa intorno all’esperienza del Grand Tour, laddove il viaggio d’istruzione diventa una necessità insopprimibile, una irrinunciabile esperienza di arte e di vita per coloro che vogliono acquisire esperienza dirette. Si sviluppa così, grazie alla finalità formativa e culturale del viaggio, una particolare letteratura, caratterizzata dalla descrizione delle proprie esperienze, delle informazioni e dei dettagli relativi ai luoghi visitati.
Naturalmente il Pittor Sassone non è stato l’unico viaggiatore straniero a lasciare scritti o immagini relativi al nostro territorio ma certamente può essere considerato un “perfetto viaggiatore” che per primo nel suo testo offre una descrizione puntuale, sistematica ed organizzata degli argomenti da trattare, tratteggiandoli per tipologie quali antichità, chiese, palazzi e ville, prestando attenzione agli apparati decorativi, all’arredo e ai dipinti presenti in essi. Un’occasione da non perdere per rivedere, attraverso gli occhi di un viaggiatore del Settecento, le emergenze architettoniche e naturali che ancora ci circondano.

Leggi anche:

#Ioleggoperché, aiutiamo le biblioteche scolastiche! Anche quest’anno l’istituto comprensivo I. Cocchi di Licciana è protagonista

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui