Carrara, fermato dopo aver scassinato un distributore al Monoblocco: 47enne arrestato per furto aggravato

0
702

Mercoledì pomeriggio i carabinieri hanno fatto scattare le manette ai polsi di un uomo di 47 anni che fuggiva dall’ex ospedale della città, dove poco prima di essere fermato aveva scassinato un distributore di snack e bevande, impossessandosi di tutte le monetine al suo interno.
Negli ultimi tempi erano state numerose le segnalazioni di manomissioni, scassi e furti ai distributori automatici nello stabile del Monoblocco, commessi dai soliti ignoti che oltre ad intrufolarsi nella struttura di notte, non si sono fatti scrupoli di rubare anche durante gli orari di apertura al pubblico.

È stato il colpo d’occhio di due carabinieri della stazione principale di Carrara a far saltare i piani di un quarantasettenne carrarino. L’uomo, arnesi da scasso alla mano, aveva svuotato in un’istante la cassetta delle monetine presente all’interno delle macchinette per snack e bevande posizionate nei corridoi dell’ex ospedale che si trova nella zona Monterosso di Carrara. È stata proprio la sua fama di abile scassinatore a tradire l’uomo, infatti i militari dell’Arma, che mercoledì pomeriggio stavano pattugliando il centro storico, quando lo hanno visto in sella alla sua bicicletta provenire da piazza Sacco e Vanzetti, non ci hanno pensato due volte a partire al suo inseguimento per controllarlo.

Appena fermato e perquisito, l’uomo aveva in tasca un grosso cacciavite con un coltellino e un paio di guanti da lavoro, insieme ad una busta di cellophane piena di monetine, all’incirca 80 euro.
All’inizio ha raccontato che quei soldi erano i suoi, ma i carabinieri avendolo trovato in possesso del classico kit da scassinatore, hanno subito ipotizzato che quelle monetine fossero di provenienza dubbia. Interrogato il terminale, è emerso che il quarantasettenne aveva un curriculum di tutto rispetto con molti arresti e denunce a suo carico dagli anni ‘90 ad oggi, comprese varie condanne per furti commessi anni fa in alcune scuole e uffici pubblici di Carrara, dove era sempre riuscito ad aprire i distributori di alimenti e bevande come fossero semplici scatolette. Alcuni mesi fa era stato anche fermato e denunciato per possesso di arnesi da scasso proprio nei paraggi dell’ex ospedale civico di Carrara, dove alcuni testimoni lo avevano visto bazzicare più volte.

L’ultimo furto, però, gli è costato caro, infatti i militari dell’Arma, visto l’esito della perquisizione, hanno effettuato un sopralluogo presso il Monoblocco, dove hanno scoperto che uno dei distributori presentava il gancio di apertura dello sportello danneggiato, inoltre il cassettino interno che contiene le monetine era stato completamente ripulito. Il personale in servizio ha poi segnalato ai militari dell’Arma che il fenomeno dei furti ai distributori stava procurando non solo un frequente disservizio agli utenti che hanno necessità di approvvigionarsi di generi di conforto, ma anche non poche preoccupazioni a chi ci lavora tutti i giorni, per il timore di potersi trovare faccia a faccia con i responsabili dei furti che il più delle volte provengono da contesti difficili, legati ad esempio al consumo degli stupefacenti oppure a gravi situazioni di disagio.

L’uomo, che ha dichiarato di lavorare come fabbro presso un’Azienda della zona, è stato quindi arrestato con l’accusa di furto aggravato e denunciato per porto illegale di arnesi da scasso. L’esito dell’attività è stata comunicata al pubblico ministero Alberto Dello Iacono e venerdì mattina, in Tribunale a Massa, il giudice Ermanno De Mattia ha convalidato l’arresto e poi ha concesso i termini a difesa, rinviando il processo all’anno nuovo. Nel frattempo, l’uomo dovrà presentarsi tutti i giorni dai carabinieri per adempiere all’obbligo di firma.

Leggi anche:

Carrara: diciassettenne arrestato per furto e denunciato per porto illegale di oggetti pericolosi

Sostieni Eco della Lunigiana

Uno dei nostri obiettivi è garantire un’informazione di qualità online. Con il tuo contributo potremo continuare a mantenere il sito di Eco della Lunigiana libero e accessibile a tutti.