I Donatori di musica ospitano un concerto all’Ospedale delle Apuane

0
237
donatori

Doppio appuntamento musicale, giovedì scorso, nella saletta policonfessionale dell’Ospedale delle Apuane. I Donatori di musica, l’associazione fondata 10 anni fa con la finalità di organizzare concerti e spettacoli per i malati oncologici, hanno ospitato due gruppi: Sara Grimaldi & Friends ed il coro gospel carrarese Joyful singers. Il Direttore del reparto di oncologia dell’ospedale di Massa, Andrea Mambrini, che coordina da anni l’iniziativa della associazione presentando gli artisti ha sottolineato: “L’importanza fondamentale del ruolo che i Donatori di musica svolgono nell’integrare, creando atmosfere rilassanti, leggere e positive, la pesante terapia a cui sono sottoposti quotidianamente i ricoverati di quel reparto. Si parla anche di reciprocità: il benessere infuso dagli artisti durante le loro impeccabili esibizioni sono compensati dall’appagamento che l’entusiasmo della platea riserva loro.” Ha poi brevemente intervistato i componenti del gruppo Sara Grimaldi and Friends soffermandosi con il chitarrista, Stefano Antonelli, anch’egli medico rianimatore all’Ospedale pediatrico apuano. “Oltre che vecchio amico – ha raccontato il Dottor Mambrini – Stefano Antonelli è un grandissimo chitarrista, e ve lo dimostrerà. E’ anche impegnato in iniziative solidali finalizzate a portare assistenza sanitaria nei paesi dove questa è carente. Nei prossimi giorni partirà per l’Uganda con i volontari di Surgery for children per contribuire a “dare nuova forza a un territorio che sogna un domani migliore” come recita opportunamente il proclama di quelle missioni”.

E’ seguito poi un entusiasmante concerto aperto da alcune preziose ed indimenticabili armonie degli anni sessanta, rivisitate da virtuosi arrangiamenti del trio (chitarra, basso e canto) Sara Grimaldi and Friends, seguite da canti gospel del coro carrarese Joyful singers diretto da Simona Palagi.

Applausi, foto, selfie, domande, strette di mano hanno poi accompagnato concertisti e spettatori al consueto rinfresco organizzato dal reparto di Oncologia. Le volontarie del Volto della Speranza hanno profuso e coordinato in maniera impeccabile l’organizzazione dell’evento.