Asl: “Garantito il secondo anestesista all’ospedale di Fivizzano”

0
825
anestesista
Immagine di repertorio

Nessuna riduzione d’attività chirurgica all’ospedale di Fivizzano. Lo evidenzia l’Azienda USL Toscana nord ovest, che conferma a partire da questo mese di novembre la presenza del secondo anestesista per due giorni alla settimana.

La carenza di alcuni professionisti in tutto l’ambito territoriale aveva reso necessaria una momentanea rimodulazione del servizio, che – grazie all’impegno ed alla professionalità dei chirurghi, degli ortopedici e degli stessi anestesisti – ha comunque permesso il mantenimento del normale volume di interventi chirurgici.

Il ritorno al modello organizzativo originario era già programmato a partire da questo mese di novembre, grazie ad un nuovo anestesista che entra in servizio in questi giorni.

L’Azienda ribadisce quindi la sua volontà di continuare a valorizzare il ruolo dello stabilimento ospedaliero di Fivizzano, in un territorio in cui esso rappresenta per la comunità un fondamentale punto di riferimento ma anche una struttura di alto valore sociale. L’obiettivo è infatti quello di mettere sempre il cittadino al centro delle scelte e di garantire equità di accesso e prestazioni di qualità uniforme su tutto il territorio aziendale.

Anche gli ultimi dati d’attività confermano, tra l’altro, che non è in atto alcun depotenziamento dell’ospedale di Fivizzano.

Il numero degli accessi al Pronto Soccorso è infatti costante negli ultimi tre anni (circa 5.800). A fronte di un leggero calo dei ricoveri ordinari (da 1.235 nel 2017 a 1.197 nel 2018) si registra un considerevole aumento dei ricoveri in Day Hospital, passati da 274 del 2017 a 376 del 2018. Gli interventi chirurgici sono in leggero incremento (da 1.431 nel 2017 a 1.461 nel 2018), mentre aumentano in maniera significativa gli esami di radiodiagnostica: da 18.709 a 19.724 (+5,43%), con tendenza in aumento anche nel 2019.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui