A Pontremoli la presentazione del libro di Stefano Saccaggi “Un blues per la vita”

0
332

Quando la musica, il sentimento e le emozioni possono salvare una vita.

Era il 1994 quando Stefano Saccaggi, in seguito ad un incidente stradale, entrò in un coma profondo durato novanta giorni. Novanta giorni in cui la sua giovane vita rimase appesa ad un flebile filo.

Insensibile a tutto, a qualsiasi trattamento gli veniva somministrato, i dottori cominciarono a pensare al peggio, a sospendere qualasiasi tipo di cura, a staccare letteralmente tubi, tracheotomia, sondino e drenaggi. Ma prima di fare ciò, pensarono ad un ultimo tentativo: la musicoterapia. Saccaggi era un grande fan di Zucchero Fornaciari e i suoi familiari recuperarono subito una delle sue amate musicassette. Fu ascoltando la musica di “Blue’s” che, come per miracolo, il suo cuore iniziò a battere diversamente ed il suo corpo a sudare freddo. Da quel momento capirono che la sua vita non era ancora finita ed iniziò così la strada verso il suo risveglio.

Dopo settanta giorni in carrozzina e lunghi mesi di riabilitazione psicomotoria, Stefano Saccaggi è riuscito a recuperare tutto. Per raccontare la sua esperienza ha deciso di scrivere un libro nel quale racconta, per filo e per segno, il percorso che dall’incidente lo ha ricondotto alla vita che oggi sta vivendo. Un’opera attraverso la quale si possono percepire le sensazioni, le emozioni e i pensieri che ha provato dopo il suo risveglio. Un racconto per sensibilizzare tutti, ma soprattutto i giovani, sulle conseguenze che gli incidenti del weekend, purtroppo sempre attuali, possono portare nella vita di ognuno di noi. Per questo ha voluto intraprendere un percorso volto a informare e rendere noto a tutti la propria esperienza, ciò che ha vissuto, quello che lo ha salvato e tutto ciò che poteva perdere.

L’appuntamento è per sabato 26 Ottobre 2019 alle ore 16:00 nella Sala dei Sindaci del palazzo Comunale di Pontremoli per ascoltare le parole di Stefano Saccaggi, che presenterà il suo libro e racconterà la sua esperienza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui